Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Veneto, Zaia toglie l'obbligo di mascherina. Riaprono centri termali e spa, superficie minima per l'ombrellone a 12 metri quadrati

Il provvedimento firmato dal presidente Luca Zaia entra in vigore da lunedì 1 fino a lunedì 15 giugno. Novità anche sul fronte terme: piscine termali, spa e centri benessere possono riaprire. Zaia: "Partita fondamentale per il nostro territorio"

Di L.A. - 29 maggio 2020 - 13:28

VENEZIA. Nuova ordinanza per il Veneto, il provvedimento firmato dal presidente Luca Zaia entra in vigore da lunedì 1 fino a lunedì 15 giugno. Le novità riguardano le mascherine, obbligatorie negli spazi chiusi o in presenza di assembramento, e la superficie minima per l'ombrellone che è di 12 metri quadrati.  

 

L'ordinanza riprende le linee guida modificate e propone alcune novità anche sul fronte terme: piscine termali, spa e centri benessere possono riaprire. "Questo provvedimento - dice Zaia - sblocca una partita importantissima per il nostro territorio".

 

Le mascherine sono obbligatorie solo nei luoghi chiusi oppure negli spazi aperti al pubblico e all'esterno se non è possibile garantire la distanza di sicurezza tra i non conviventi. I bambini under 6 anni possono non indossare il dispositivo, così come le persone esentate per motivi di salute.

 

La mascherina non è obbligatoria in auto se si rispetta la distanza di un metro oppure se si è conviventi. Restano vietati gli assembramenti in area pubblica (eccetto i conviventi), ma non in quella privata. "I cittadini - aggiunge il presidente - possono finalmente organizzarsi una grigliata in famiglia". Semaforo verde per la riapertura di terme e centri benessere, mentre il via libera a saune e bagni turchi è subordinato all'uso individuale. 

 

Capitolo centri estivi: il servizio può inviare una semplice informativa a Comune e Ulss per riaprire, una scheda firmata da gestore e genitore, che impegna la struttura a seguire le linee guida. Questa ordinanza prende in esame la fascia d'età dai 3 ai 17 anni, mentre per i piccoli da 0 a 3 anni restano da sbloccare alcune situazioni sul Dpcm. C'è in previsione un'eventuale ordinanza ad hoc per sistemare questa criticità.

 

Riaprono anche le case di riposo e le strutture socio-assistenziali, che possono accogliere nuovi anziani. ​"Ci sono linee guida per i visitatori e per la presa in carico di nuovi ospiti. Un provvedimento - spiega Zaia - che riguarda le strutture che hanno gestione autonoma, diciamo: queste sono le linee minime di applicazione, poi si possono restringere, c'è questa facoltà".

 

La Regione ha stanziato, inoltre, un contributo straordinario per sostenere le famiglie in difficoltà a causa dell'emergenza coronavirus. In questo senso è stato attivato un fondo da 1.500.000 euro a disposizione fin da subito. Si prevede una somma di 400 euro di contributo una tantum per le spese di affitto delle famiglie.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 luglio - 17:18
Sono stati analizzati 1.542 tamponi tra molecolari e antigenici. Ci sono 6 persone in ospedale, ma nessuno in terapia intensiva
Economia
28 luglio - 17:02
L'amministratore delegato di Trentino Marketing, Maurizio Rossini: "C'è già un marchio, la Trentino Music Arena, e questo diventa l'inizio di un [...]
Cronaca
28 luglio - 15:30
Il sindaco di Levico, Gianni Beretta: "Speriamo che il piccolo si possa riprendere, ringrazio gli addetti del Buena Onda per la celerità e la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato