Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, screening di massa in Alto Adige: ''Adesso pensiamo a uscire dal lockdown che altrimenti sarebbe durato almeno fino a Natale''

Il presidente dell'Alto Adige ringrazia la popolazione per l'affluenza "oltre ogni aspettativa": "Dovete essere orgogliosi". L'appello però è quello di mantenere alta l'attenzione e seguire le regole. Kompatscher: "Non molliamo la presa adesso, non è ancora finita: non commettiamo l'errore di abbassare la guardia"

Di Luca Andreazza - 22 novembre 2020 - 18:14

BOLZANO. "Questo è un grande successo dei cittadini, un successo vostro e dovete essere orgogliosi. Questo risultato ci permette di preparare la strategia per uscire dal lockdown che altrimenti sarebbe durato almeno fino a Natale". Queste le parole di Arno Kompatscher, presidente dell'Alto Adige, che commenta la campagna di screening di massa a operazioni ancora in corso. Alle 16 si sono recati ai punti oltre 320 mila persone. 

 

"Abbiamo fissato l'obiettivo a 350 mila cittadini e abbiamo sperato in un'alta affluenza tra le 200 e le 250 mila persone - commenta Kompatscher - siamo però già in vista del target più alto e le aspettative sono state superate. Questo è un successo di tutto l'Alto Adige e tutte quelle unità che hanno preparato questa operazione e hanno lavorato intensamente queste 72 ore. Nei prossimi giorni si va avanti nelle farmacie e dai medici di base perché sappiamo che non è ancora finita".

 

I dati parziali mostrano un tasso di infezione che si attesta all'1%. "Corrisponde a quanto registrato in Slovacchia, che ha fatto segnare l'1,5% - aggiunge il presidente dell'Alto Adige - ma aveva appena adottato misure stringenti, mentre noi siamo già da quasi 3 settimane in lockdown. Questo screening ci permette di intervenire in modo importante e interrompere moltissime catene di contagio: abbiamo attualmente trovato circa 3 mila persone e questo con un Rt 1,5 si sarebbe tradotto in 95 mila persone infettate in 1 settimana".

 

E' un periodo difficile in Alto Adige per l'alto tasso di contagio ma questa operazione e la massiccia partecipazione della popolazione consente di prevedere un'attenuazione delle restrizioni. "Il contact tracing - prosegue il governatore - è andato in crisi e questa azione ci permette di riportare tutto sotto controllo. L'ordinanza scade il 29 novembre (le scuole del primo ciclo aprono martedì) e ci prendiamo questa settimana per analizzare i dati. I cittadini hanno fatto la propria parte e adesso possiamo delineare una strategia di riapertura. Diversamente avremmo dovuto aspettare almeno fino a Natale".

 

L'appello però è quello di mantenere alta l'attenzione e seguire le regole: mascherine, distanziamento e igienizzazione. "Abbiamo trovato tantissimo positivi, ma non tutti e una percentuale potrebbe essere sfuggita ai test. Non molliamo la presa adesso - conclude Kompatscher - non commettiamo l'errore di abbassare la guardia. Un ringraziamento ai cittadini, ma anche alla perfetta macchina organizzativa tra Azienda sanitaria, protezione civile, vigili del fuoco, Croce bianca e croce rossa, il personale amministrativo provinciale e i 116 Comuni: un risultato straordinario, un alto senso civico della popolazione".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato