Contenuto sponsorizzato

“Da Bisesti parole indegne, l’assessore inadeguato al suo ruolo”, le minoranze insorgono dopo il post qualunquista

Da Degasperi a Futura, passando per Pd e Patt le minoranze si scagliano contro l’assessore leghista che ieri si chiedeva perché i partigiani (ormai 90enni) non fossero in strada a montare ospedali da campo: “Bisesti non perde occasione per dare il peggio di sé”

Di Tiziano Grottolo - 25 marzo 2020 - 10:03

TRENTO. Hanno scatenato un vero e proprio vespaio le parole condivise ieri, 24 marzo, dall’assessore all’istruzione Mirko Bisesti con le quali, dietro un coacervo di retorica qualunquista, si puntava il dito contro partigiani (90enni) e sardine, “colpevoli” di non essere in strada a montare ospedali da campo.

 

Nel post “condiviso volentieri” da Bisesti perché “mai come oggi è importante dire grazie a chi purtroppo, troppo spesso in Italia, è stato oggetto di astio e di odio” si faceva addirittura riferimento a un “noi” che “sventolavamo con orgoglio la nostra bandiera, che ci mettevamo la mano sul cuore appena partiva l’Inno, che applaudivamo ai Reparti che orgogliosi sfilavano in via dei Fori Imperiali... Noi eravamo Fascisti”.

 

Come c’era da aspettarsi a stretto giro sono arrivate le reazioni della politica, in particolare delle minoranze, che hanno addirittura fatto appello al presidente della Pat, Maurizio Fugatti, affinché intervenga sulla questione.

 

“Assessore alla mancata conoscenza – attacca il rappresentante di Onda Civica Filippo Degasperi, che poi aggiunge – qualche buonanima insegnante spieghi a Bisesti che Gianantonio Manci era partigiano e alpino, Mario Pasi era partigiano e alpino. Anche Nuto Revelli era partigiano e alpino”. Tanti furono i partigiani-alpini fra questi anche Gastone Franchetti, martire del 28 giugno ucciso dai nazisti dopo la delazione di una spia fascista.

 

È lo stesso Degasperi a suggerire che l’assessore si concentri di più sulle sue competenze: “In questo momento – dice – emerge come sulla didattica manchi la regia della Pat, ci sono situazioni dove alcune scuole sono più indietro di altre o ad alcune famiglie mancano gli strumenti per le lezioni online, l’assessorato dovrebbe intervenire ma è troppo impegnato a fare confusione su Facebook. Se questo è l'assessore immaginiamoci gli altri”, chiosa il consigliere provinciale.

 

Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’intervento di Futura che evidenzia come siano ben altre le urgenze da affrontare in questo momento: “Capiamo che sia frustrante non essere al centro del mondo ma invece di condividere sciocchezze di cui nessuno sente il bisogno, da parte nostra preferiamo darle alcuni consigli”, scrivono Lucia Coppola e Paolo Ghezzi. Fra questi ci sono gli interventi per consentire di dotare gli studenti che non possono permetterselo di un computer, di modo che possono seguire le lezioni da casa come i compagni.

 

“Ancora una volta Bisesti dimostra di essere inadeguato al suo ruolo”, fa eco il Partito Democratico. Viviamo un’emergenza senza precedenti – riprende il comunicato dei Dem – questo è il momento dell’unità e della responsabilità, e dovrebbe essere chiaro in primis a chi rappresenta le Istituzioni, ma ancora una volta l’Assessore Bisesti non perde occasione per dare il peggio di sé. Inventare divisioni sulla solidarietà alle forze dell’ordine e alle tante altre categorie in prima linea – l’affondo – è un comportamento indecente, ed è tanto più indegno se a metterlo in atto è una persona che ricopre un ruolo di governo”.

 

Duro anche Simone Marchiori, segretario del Patt: “Di fronte a chi è impegnato in prima fila rischiando del suo per salvare delle vite (medici, infermieri e operatori sanitari) a chi è ammalato e rischia di rimetterci le penne, a chi sta rischiando di perdere il lavoro o l'impresa per cui ha lavorato una vita, queste polemiche sono inutili, controproducenti e deleterie. Dall'inizio dell'emergenza abbiamo mantenuto un basso profilo proprio per evitare polemiche e divisioni, eccetto con Sgarbi quando fomentava alla disubbidienza o sugli emendamenti depositati dal consigliere Cia infrangendo accordi presi fra maggioranza e opposizioni. Ci sarà modo – conclude il Patt – una volta terminata la fase acuta del contagio di intervenire ma pensiamo che comunque anche i trentini sapranno trarre le proprie conclusioni”.

 

Come peraltro dimostrato dal tono dei commenti piovuti sotto il post dell’assessore, in molti non hanno apprezzato la verve polemica, soprattutto in questo momento di emergenza, fra gli altri spicca la riflessione di Angelo Zambotti, primo cittadino di Fiavé: “Un Assessore – all’istruzione, tra l’altro – che, approfittando del momento più difficile della Nazione dal dopoguerra in poi, strumentalizza a casaccio i partigiani, oltre a tante altre cose” un comportamento che lascia esterrefatti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 06:51

Sono anche tanti i professionisti ormai in pensione che hanno deciso di tornare tra le corsie d'ospedale per far fronte all'emergenza. Tra questi c'è Marina Cologna, in pensione da due anni ma che lunedì tornerà al Santa Chaira ed era nella commissione di laurea dei nuovi infermieri: "Trovo sia il minimo quello di mettermi a disposizione per alleggerire il carico ai colleghi che lavorano 13 ore al giorno. Mi impegnerò per dare tutto il mio contributo come faranno i neolaureati e come fanno gli infermieri che ogni giorno sono in trincea"

02 aprile - 18:01

L'arcivescovo Lauro tornerà in cattedrale per guidare, alle 15, la meditazione sulla Passione, come accaduto dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Domani sera i giovani collegati via web guideranno la via Crucis cittadina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato