Contenuto sponsorizzato

Dalla didattica a distanza per le superiori alle mascherine indossate anche in casa, ecco il Dpcm che passa ora alle Regioni

Emergono alcuni contenuti del nuovo Dpcm che andrebbe a sostituire quello in scadenza giovedì prossimo. Sono ancora ipotesi, presentate alle Regioni con gli enti locali che hanno chiesto 24 ore per leggere il provvedimento e proporre eventuali modifiche

Di L.A. - 12 ottobre 2020 - 21:48

ROMA. Niente gite scolastiche e blocco agli sport di contatto amatoriali. Viene raccomandato anche l'utilizzo delle mascherine in casa se ci sono non conviventi. Niente assembramenti in strada e all'esterno dei locali non si può più sostare e consumare bevande oltre le 21, garantito però il servizio al tavolo. Bar e ristoranti aperti fino a mezzanotte. 

 

Stop alle feste private, con una raccomandazione a limitare anche quelle in casa, se partecipano più di sei persone. Gli eventi sportivi sono aperti a mille persone all'aperto (ora 200 posti al chiuso ma si potrebbe passare al 15% dell'impianto), non dovrebbe cambiare nulla per quanto riguarda la capienza legata al mondo dello spettacolo. Solo 30 invitati alle cerimonie (matrimoni, comunioni, cresime e funerali). 

 

La sospensione degli sport di contatto sarebbe a livello amatoriale, quindi dovrebbero continuare a svolgersi quelli dilettantistici (in sostanza federali o enti) per le società che hanno adottato protocolli per limitare i contagi. 

 

Questi alcuni contenuti delineati nel nuovo Dpcm che andrebbe a sostituire quello in scadenza giovedì prossimo. Sono ancora ipotesi, presentate alle Regioni con gli enti locali che hanno chiesto 24 ore per leggere il provvedimento e proporre eventuali modifiche. Alcuni contenuti erano stati presentati anche dal presidente Maurizio Fugatti nel corso della conferenza stampa sull'aggiornamento Covid-19 in Trentino (Qui articolo), restrizioni che però preoccupano i commercianti trentini (Qui articolo).

 

Le Regioni invece hanno proposto la didattica a distanza per le scuole superiori, un modo per alleggerire la pressione sul trasporto pubblico e rivedere le percentuali di capienza.

 

Una proposta che viene valutata dal governo. L'ipotesi è stata avanzata dal presidente del Veneto, Luca Zaia, e da altri governatori, e quindi è stata riportata a Roma da Stefano Bonaccini (Emilia-Romagna) in qualità di presidente della Conferenza delle Regioni. La firma del Dpcm poi potrebbe arrivare per domani, martedì 13 ottobre.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato