Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, si va verso il divieto di spostamento fra le regioni e coprifuoco su vari territori: atteso un nuovo Dpcm per domenica

Mentre le regioni e le province autonome stanno decidendo nuove misure per frenare il contagio, il governo pensa a limitazioni che uniformino tutto il Paese. Si va verso la chiusura degli spostamenti fra i territori regionali e il coprifuoco per impedire gli assembramenti notturni

Di Davide Leveghi - 21 ottobre 2020 - 12:32

TRENTO. Mentre i numeri del contagio continuano a segnare un incremento, pare che Roma stia decidendosi per un nuovo Dpcm. Atteso probabilmente per il fine settimana a venire, questo nuovo provvedimento avrebbe lo scopo di tamponare ulteriormente la diffusione del virus introducendo misure restrittive sugli spostamenti, sulla movida e sulla scuola.

 

D'altronde, il quadro a livello territoriale appare sempre più caratterizzato da un protagonismo dei governatori, specie di quelli delle regioni più colpite, che di fronte ai numeri importanti dell'epidemia stanno adottando misure sempre più dure. Ad “aprire le danze” è stato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che ancora settimana scorsa aveva deciso per il blocco delle scuole, facendo virare la didattica solamente sul ricorso al remoto.

 

Ricalibrata in parte, questa misura ha scatenato non poche polemiche sia in regione che con Roma, dove buona parte degli sforzi pare indirizzata proprio ad evitare il blocco dell'istruzione. Da parte sua, nelle ormai celebri conferenze stampa, lo “Sceriffo” (questo il soprannome di De Luca) ha annunciato nuovi provvedimenti per impedire che si creino situazioni rischiose di assembramento. A partire dal venerdì dei “Morti”, dunque, potrebbe entrare in vigore un coprifuoco dalle 23 alle 5, mentre tra province diverrebbe vietato circolare se non per motivi sanitari, lavorativi, scolastici o essenziali.

 

Mentre a Napoli si pensa a un ritorno in grande stile dell'autocertificazione, anche da Milano, centro anch'esso (come lo era stato nel momento più buio dell'epidemia) dell'aumento dei contagi, arrivano notizie di nuove restrizioni. Controcorrente rispetto al segretario nazionale del suo partito, Attilio Fontana dovrebbe infatti comunicare nella giornata di mercoledì 21 ottobre la nuova ordinanza per frenare la diffusione del virus.

 

Tra le misure annunciate, proprio il famigerato coprifuoco. “Lavoriamo tutti insieme, istituzioni nazionali, locali e cittadini per piegare di nuovo la curva del contagio”, ha commentato sui social il ministro della Salute Roberto Speranza, dimostrando come Roma e i capoluoghi stiano mantenendo un dialogo costante per scongiurare il lockdown totale e al tempo stesso trovare delle soluzioni, anche dure, capaci di frenare l'ascesa della curva dei contagi.

 

Sui territori, intanto, si adottano misure o si varano proprio in queste ore. Da Torino a Bologna, da Genova a Venezia, ogni governatore sta valutando la messa in vigore di nuove misure che potrebbero portare il governo, nel tentativo di uniformare a livello nazionale le varie situazioni regionali, a decidersi per il coprifuoco e il divieto di spostamento tra le regioni se non per motivazioni essenziali.

 

D'altronde, con il Dpcm di domenica 18 ottobre, l'esecutivo aveva affidato ai sindaci il compito di controllare la movida. “E' uno scaricabarile che addossa ai sindaci lo sgradito compito di dichiarare il coprifuoco”, aveva detto il presidente dell'Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro, spalleggiato dai primi cittadini di tutta Italia, tra cui quello di Belluno Jacopo Massaro ("Una misura totalmente inapplicabile", aveva affermato sui social). Il sindaco di Trento Franco Ianeselli, da parte sua, questo tipo di strada l'aveva già intrapresa con le norme anti-movida sulla zona di Santa Maria Maddalena e l'annullamento dei mercatini, mentre è di mercoledì 21 la notizia della firma della nuova ordinanza che proibisce dalle 22 alle 5 la vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche.

 

Nella giornata di martedì, da Bolzano si era deciso per nuove limitazioni che porteranno novità per scuole, sportivi e esercenti. Il presidente Arno Kompatscher ha infatti comunicato la volontà di stabilire un tetto minimo di didattica a distanza per le scuole superiori (30%), il blocco dello sport a livello provinciale e l'annullamento dei mercatini di Natale.

 

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, da parte, ha comunicato l'entrata in vigore di un nuovo piano di sanità pubblica che stabilisce 5 fasi in base alle terapie intensive e ai ricoveri, fasi che portano a conseguenze sul piano ospedaliero con la ricalibrazione delle attività a seconda dei dati del contagio. Il Trentino, per ora, va avanti così. Le ore passano e i contagi aumentano; vedremo se (o meglio quando) da Roma arriveranno nuove direttive.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

30 novembre - 19:11

In Trentino c'è l'associazione Ama che grazie ai gruppi di auto mutuo aiuto è un sostegno fondamentale per tante famiglie. Qui la testimonianza di una famiglia letta per Ama da Giacomo Anderle

01 dicembre - 08:48

L'incendio a Levico è avvenuto nella zona di Quaere. Sulle cause sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine e non si esclude il dolo. Oltre cento vigili del fuoco sono stati impegnati, invece, per spegnere le fiamme che hanno avvolto un altro fienile a Curon 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato