Contenuto sponsorizzato

Escludere gli stranieri dalle case Itea?, Futura: “Emendamento-vergogna, cattiveria gratuita”

Rovereto Futura contro l’emedamento Dalzocchio per escludere gli stranieri dalle case Itea: “Così facendo la Lega alimenta insicurezza e disagi ma stiamo parlando di famiglie, di donne, di bambini che una comunità civile avrebbe il dovere di aiutare, non di gettare sulla strada”

Di Tiziano Grottolo - 26 luglio 2020 - 18:28

ROVERETO. Dopo la presentazione di un emendamento che mira a rendere praticamente impossibile per uno straniero accedere all’edilizia agevolata la sezione roveretana di Futura alza la voce, parlando di “emendamento-vergogna”. Nei giorni scorsi, la capogruppo leghista in Consiglio provinciale, Mara Dalzocchio, ha depositato un provvedimento per ostacolare l’assegnazione degli alloggi Itea a cittadini extracomunitari (QUI articolo).

 

“L’emendamento – spiegano Mouna el Baba, Omar Korichi e Danilo Fenner candidati con Futura a Rovereto – prevede che gli stranieri e soltanto loro, rivelando già in questo un intento chiaramente discriminatorio, per poter accedere alle graduatorie Itea dovranno presentare una documentazione che attesti la condizione economico-patrimoniale dei componenti del nucleo famigliare del paese d’origine e di provenienza”.

 

Una condizione che nella stragrande maggioranza dei casi è praticamente impossibile da soddisfare. “Significa di fatto volerli escludere dalla possibilità di ottenere un alloggio Itea”, attaccano i candidati. Eppure iniziative simili sono già state censurate in altre parti d’Italia, tanto che intervenne il Governo di Roma stilando una lista di paesi per i quali è “oggettivamente impossibile” ottenere la documentazione.

 

La Lega sa benissimo che emendamenti di questo tipo saranno impugnati e annullati, come già accaduto altrove. Ma queste sparate propagandistiche, anche se diventano norme provvisorie, comportano comunque un costo per la collettività”. Secondo i candidati di Futura impedire l’accesso all’edilizia agevolata da parte di soggetti stranieri non risponderebbe a nessun requisito di buon senso né di equità sociale né di giurisprudenza, “è una pura e semplice cattiveria”.

 

Futura punta il dito anche contro i risvolti sociali: “Così facendo la Lega alimenta insicurezza e disagi. L’accesso all’edilizia agevolata rappresenta, per moltissimi stranieri, l’unica soluzione al problema abitativo. L’alternativa è la strada. Parliamo di famiglie, di donne, di bambini. Soggetti deboli, portatori di fragilità, che una comunità civile avrebbe il dovere di aiutare, non di gettare sulla strada”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 19:10
Vertice tra Provincia, Upipa e Spes per l’analisi delle richieste che sono arrivate dal mondo delle case di riposo. L'assessora Stefania [...]
Cronaca
18 giugno - 18:58
Il sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige incassa una vittoria (''parziale'') sul fronte della condotta antisindacale da parte della [...]
Cronaca
18 giugno - 16:15
Lo ha annunciato il ministero per la Salute prolungando anche le misure di ingresso da India Bangladesh e Sri Lanka
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato