Contenuto sponsorizzato

La Pat conferma il passo indietro sugli orsi di Andalo e Dimaro: ''Revocata ordinanza, prosegue il monitoraggio fino a fine novembre''

Forse la preoccupazione di un'ennesima bocciatura del Tar, probabilmente unita alla riduzione delle attività dei plantigradi che si avviano al periodo del letargo, ha portato la Provincia a ritirare il provvedimento del 27 agosto scorso. Oltretutto gli orsi non sarebbero ancora stati identificati e il recinto del Casteller, già al centro delle polemiche, è pieno

Di Luca Andreazza - 06 ottobre 2020 - 15:57

TRENTO. E' arrivata la conferma della Provincia. E' stata revocata l'ordinanza che disponeva la cattura di orsi ritenuti da piazza Dante potenzialmente pericolosi. 

 

A annunciare il passo indietro del presidente Maurizio Fugatti è stata l'Oipa (Qui articolo) e un'ora dopo piazza Dante è intervenuta per confermare tutto.

 

Forse la preoccupazione di un'ennesima bocciatura del Tar, probabilmente unita alla riduzione delle attività dei plantigradi che si avviano al periodo del letargo, ha portato la Provincia a ritirare il provvedimento del 27 agosto scorso.

 

Un'azione decisa ieri, martedì 5 ottobre, che però è stata comunicata solo dopo che il mondo ambientalista e animalista ha portato alla luce il nuovo provvedimento. Un passo indietro di piazza Dante, che segue quello delle chiusure di negozi e supermercati la domenica e festivi di piazza Dante, che forse Fugatti non avrebbe voluto pubblicizzare, ma ormai diventato di dominio pubblico

 

"Considerato che le attività di monitoraggio, presidio e informazione, svolte dal Corpo forestale del Trentino nelle zone interessate dalla presenza di orsi hanno determinato un drastico calo delle situazioni potenzialmente pericolose per l’incolumità pubblica - spiega la nota della Provincia - il presidente della Provincia ha emanato una nuova ordinanza in materia di plantigradi, con la quale vengono a cessare gli effetti della precedente ordinanza dello scorso 27 agosto, che disponeva la cattura di orsi potenzialmente pericolosi per la popolazione".

 

Un'ordinanza per cattura i due orsi che gravitano in zona Andalo e Dimaro Folgarida dei quali non si conosce nemmeno l'identità (Qui articolo). Forse poi Fugatti si è reso conto che il recinto del Casteller è pieno: ci sono Dj3, che dovrebbe essere spostata a Spormaggiore, M57 e M49. Situazione che non sembra particolarmente edificante con il report che riporta delle enormi sofferenze di questi animali, tanto che l'Ordine dei veterinari ha chiesto l'istituzione di un comitato etico (Qui articolo).  

 

"La nuova disposizione prevede di dare continuità al monitoraggio fino al 30 novembre, con particolare attenzione ai comuni di Andalo e Dimaro Folgarida, per assicurare la prevenzione di eventuali episodi che possano mettere a repentaglio l’incolumità dei cittadini", conclude la nota della Pat.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:59

Il numero dei pazienti covid scende ancora e si posiziona a 260, ma la notizia incoraggiante sta anche nel forte calo dei decessi che oggi si fermano ad 1 solo caso avvenuto a Mori. Dei nuovi casi positivi, gli asintomatici sono 75 mentre i pauci sintomatici sono 96. Ci sono altri 19 casi di bambini e ragazzi in età scolare che hanno contratto il virus (le classi in quarantena ieri erano 24) e di questi 3 piccoli hanno meno di 5 anni. Gli ultra settantenni invece sono 30

22 gennaio - 18:49

Intervenuto nella conferenza stampa sulla situazione Covid in provincia, il direttore della Prevenzione dell'Apss Antonio Ferro spiega l'errore nella somministrazione a 12 operatori dell'ospedale di Rovereto di una soluzione fisiologica al posto dei vaccini. "Questo dimostra quanto siano importanti i controlli"

22 gennaio - 17:57

Sul fronte della campagna di vaccinazione,  sono stati somministrati 12.866 vaccini, di cui 3.281 ad ospiti di residenze per anziani. Si registrano 19 nuovi casi di bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato