Contenuto sponsorizzato

L'assessore regionale abbocca alla bufala del microchip del 2016 e chiede: ''Voi cosa ne pensate''

Fake storica che ogni tot tempo torna a galla l'ha condivisa in questi giorni Claudio Cia interrogando anche i suoi utenti spiegando che è ''pazzesco, sembra di essere in un film di fantascienza''. All'interno si attacca Renzi, c'è il riferimento all'Europa e tutto il complottismo più banale (compreso la pareidolia usata sul nome) 

Di Luca Pianesi - 19 maggio 2020 - 17:02

TRENTO. L'assessore regionale Claudio Cia c'è cascato in pieno. ''Pazzesco - ha scritto sulla sua pagina Facebook - mi sembra di essere in un film di fantascienza...microchip sottocutaneo obbligatorio, entro due anni tutti lo dovranno avere in Italia. Voi cosa ne pensate''. Cosa ne pensiamo? Che la notizia condivisa e rilanciata anche dalla sua condivisione di ieri è una vecchia bufala che ogni tanto torna a galla e che da un assessore regionale (con un passato nel mondo della sanità) certi scivoloni non ce li aspetteremmo. Il caso, però, è di scuola e merita di essere analizzato.

 

 

Cia è caduto in una delle bufale più facili di tutte da rilevare. Si parte dal nome del sito che è fatto apposta per ingannare un occhio poco attento: ''ilMessaggio.it'' infatti ricorda ''ilMessaggero.it'' ma è, chiaramente un fake. Era un vecchio sistema utilizzato quattro-cinque anni fa per far girare le fake news in rete basato sulla pareidolia (venivano utilizzati nomi di siti molto simili a quelli esistenti così che il lettore disattento fosse portato a completare lui il nome con quanto già conosciuto: altri esempi erano ilfattoquotidaino, ilgiormale.it, larefublica.it etc.). 

 

Il titolo, poi, come scrive lo stesso Cia ha del ''pazzesco'' è roba da complottisti di basso livello ''Microchip sottocutaneo: Nuova normativa Europea, entro due anni ognuno di noi dovrà farselo impiantare''. C'è il maiuscolo dopo il due punti, la parola ''europea'' anch'essa in maiuscolo a concentrare l'attenzione contro la solita Europa cattiva che ci impone chissà cosa. Aprendolo, poi, è un delirio (siamo sicuri che Cia non lo abbia aperto e lo abbia condiviso così come lo ha trovato) perché non ci sono date di pubblicazione, dentro si dà la colpa addirittura a Matteo Renzi e le date di riferimento sono il 2016 come ''decisione'' e il 2018 come data di applicazione dell'ipotetico provvedimento.

 

Ebbene sono passati altri due anni e non abbiamo microchip sottocutanei impiantati. La bufala, che risale al 2016 ed è una delle più conosciute (basta fare un minimo di ricerca su internet), oltre ad essere stata ridicola per l'epoca è totalmente assurda oggi con date completamente sballate e nessun riferimento all'attualità. Insomma ''sembra un film di fantascienza'', come scrive Cia, perché è anche peggio: è una ''fantabufala''. Incomprensibile la ragione che avrebbe portato un assessore regionale a ricondividere una cosa del genere. Questa sì è fantascienza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato