Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Cia, Rossato e Ambrosi chiedono a Fugatti di spostare il coprifuoco a mezzanotte

Per Claudio Cia e Fratelli d'Italia Trentino il limite del coprifuoco alle 22 è "assurdo". "Il presidente Fugatti vari immediatamente un'ordinanza che sposti il coprifuoco almeno alla mezzanotte, per consentire a tante attività economiche di sopravvivere"

Di L.B. - 27 April 2021 - 18:27

TRENTO. Il Trentino è tornato da ieri, 26 aprile, in zona gialla, ma come tutti ben sappiamo in tutta Italia vige ancora il coprifuoco. A differenza del resto del Paese, però, sul nostro territorio provinciale è possibile spostarsi oltre le 22 "per raggiungere il proprio domicilio/abitazione/residenza dopo aver usufruito dei servizi di ristorazione e per il tempo strettamente necessario secondo il tragitto più breve tra l’esercizio di ristorazione e il luogo di destinazione".

 

Questo è quanto è stato deciso dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti nella sua ultima ordinanza (qui articolo), intervenuto anche su richiesta del consigliere Claudio Cia che aveva domandato di specificare meglio alcuni passaggi poco chiari dell’ultimo decreto nazionale. 

 

Lo stesso Cia, però, non si accontenta, e per questo ha scritto al presidente della Pat chiedendogli "il coraggio di spostare il coprifuoco a mezzanotte".

 

"Abbiamo molto apprezzato il coraggio del Presidente Fugatti - si legge in un comunicato di Fratelli d'Italia a firma dei consiglieri Cia, Ambrosi e Rossato - nella scelta di anticipare di una settimana l'apertura dei bar e dei ristoranti in Trentino; scelta che ha dimostrato, lanciando un segnale estremamente importante, di andare concretamente incontro alle esigenze del territorio".

 

"Allo stesso modo, Fratelli d'Italia Trentino auspica da parte del Presidente il medesimo coraggio contro l'assurdo limite del coprifuoco alle 22. Si chiede pertanto al Presidente di varare immediatamente un'ordinanza che sposti il coprifuoco almeno alla mezzanotte, per consentire a tante attività economiche di sopravvivere".

 

"Il popolo trentino è perfettamente in grado di gestire queste aperture nel rispetto di ogni precauzione sanitaria necessaria - si legge in conclusione nel comunicato - e soprattutto si consentirebbe alla nostra terra di tornare ad essere immediatamente attrattiva per tanti turisti che attualmente, proprio a causa di questo limite assurdo, non stanno prenotando".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 26 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 maggio - 13:22
Dal primo gennaio del prossimo anno la Provincia ha deciso di gestire direttamente il centro che si trova al Bosco della Città che fino ad [...]
Cronaca
27 maggio - 13:15
Il povero animale ferito è stato soccorso poi da un veterinario. Ad accorgersi di quello che stava accadendo sono stati alcuni cittadini che sono [...]
Cronaca
27 maggio - 12:24
L'incidente è avvenuto all'interno di un cantiere Vaia nei boschi di passo Lavazè. Un boscaiolo di 53 anni è stato travolto da un albero e poi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato