Contenuto sponsorizzato

Violenza no Green pass, la condanna di Kaswalder con la ''massima fermezza'' arriva due giorni dopo. Zeni: ''Lascia esterrefatti il silenzio della Giunta''

L'ex assessore Luca Zeni: "Il livello di tensione nelle manifestazioni no vax di questi giorni non può essere ridotto soltanto al tema del fascismo. Negli ultimi anni, ben prima del Covid, una parte della politica ha mantenuto posizioni ambigue sui vaccini, dalla Lega ai 5 stelle, così come Fratelli d’Italia. Così facendo ha alimentato la diffidenza nelle istituzioni"

Di Luca Andreazza - 11 October 2021 - 13:06

TRENTO. "La violenza non è mai una soluzione e non deve albergare in nessun modo all'interno di un sistema democratico". Così Walter Kaswalder, presidente del Consiglio provinciale. "L'azione contro la Cgil dev'essere condannata con la massima fermezza, un sindacato rappresenta i lavoratori e quindi è una parte viva della comunità intera".

 

A 48 ore dall'assalto dei manifestanti No Green pass a Roma, ma anche a 24 ore dalle tensioni con spintoni e urla alla sede del sindacato in via dei Muredei, interviene per ora Kaswalder. Ancora in silenzio il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, che pure era solertemente intervenuto, per esempio, per esprimere vicinanza al governatore della Regione, Nello Musumeci, a causa delle intimidazioni subite a fine agosto.

 

Diverse centinaia le persone presenti alla sede trentina, diversi i politici come gli ex presidenti Ugo Rossi e Lorenzo Dellai, il sindaco di Trento a lungo segretario della Cgil, Franco IaneselliAnpiArciForum trentino per la paceMassimiliano Pilati, Lucia Coppola e Paolo Zanella, il Partito democraticoCisl Uil, il mondo universitariomilitantilavoratrici lavoratori. Tutti hanno preso la parola per portare solidarietà nei confronti del sindacato. Arrivata anche una nota dal Patt.

 

Assenti in via Muredei i rappresentanti della Provincia e della maggioranza, ma intanto è arrivata la solidarietà da parte del presidente del Consiglio provinciale. Nessun'altra comunicazione da parte di piazza Dante.

 

"Il livello di tensione nelle manifestazioni no vax di questi giorni non può essere ridotto soltanto al tema del fascismo, che peraltro è una dottrina piuttosto articolata e che non può essere citata in ogni caso di violenza. Certamente chi oggi manganella nelle manifestazioni no vax appartiene a movimenti come Forza Nuova che si richiamano al fascismo, non nuovi ad azioni violente e che è incredibile esistano ancora nel 2021. Su questo è doveroso associarsi alla ferma e netta condanna delle violenze e a quella matrice, senza ambiguità; lascia esterrefatti il silenzio della Giunta Fugatti, di solito prolissa al limite del logorroico".

 

L'ex assessore prosegue nella sua analisi, mentre oggi il corteo "No vax", "No Green pass" e "No mask" si dirige alle sedi di Confindustria e dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari.

 

"Merita un approfondimento anche l’altro aspetto, passato in secondo piano: questi gruppi hanno trovato terreno fertile all’interno dei gruppi no vax, i cui appartenenti per la maggior parte non si sentono sicuramente fascisti. Anzi, accusano di fascismo il governo che 'impone il Green pass'. Negli ultimi anni, ben prima del Covid, una parte della politica ha mantenuto posizioni ambigue sui vaccini, dalla Lega ai 5 stelle, così come Fratelli d’Italia. Così facendo ha alimentato la diffidenza nelle istituzioni", dice Zeni. "Ogni società si fonda sulla fiducia, che non significa certo obbedienza acritica, bensì cittadinanza attiva e ragionevole, nel rispetto dei ruoli.  Nel caso dei vaccini, se la comunità scientifica (che è un concetto molto concreto) e le istituzioni che la rappresentano, forniscono indicazioni chiare sui benefici di salute pubblica, sarebbe irresponsabile quella politica che non ne seguisse le indicazioni.  E l’ambiguità, a cui troppo spesso assistiamo, a Roma come a Trento, rafforza la base culturale di un movimento radicalmente sbagliato nei suoi fondamenti e che in fin dei conti sta accettando il sostegno persino di gruppi neofascisti e violenti".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 ottobre - 06:01
Anche in Trentino non sono mancate le famiglie che hanno deciso di ritirare i propri figli da scuola perché non condividevano i protocolli [...]
Cronaca
18 ottobre - 19:43
Trovati 20 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 15 guarigioni. Sono 18 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in terapia [...]
Cronaca
18 ottobre - 19:22
Nel giorno in cui il ministro della Difesa Lorenzo Guerini è arrivato a Trento, per un'anteprima dell'apertura al pubblico del Museo nazionale [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato