Contenuto sponsorizzato

Accoglienza, De Laurentis: "Mai data la mia adesione alla manifestazione del 6 dicembre"

Il presidente dell'Associazione Artigiani non parteciperà alla mobilitazione contro i fatti di Lavarone: "Altri mettono la firma ma poi non partecipano"

Pubblicato il - 26 novembre 2016 - 18:20

TRENTO. Alla manifestazione del 6 dicembre prossimo, convocata contro i fatti di Lavarone e di Soraga e per ribadire che il Trentino è terra di accoglienza, il presidente dell'associazione Artigiani Roberto De Laurentis non parteciperà

 

Ognuno è libero di fare ciò che vuole, ci mancherebbe. Ma la notizia che si rincorreva nel pomeriggio era un'altra: De Laurentis ha ritirato la sua firma dall'appello, dalla testa dei promotori che mette assieme vescovo e imam, segretari sindacali e rettore dell'università, esponenti del mondo della cultura e intellettuali, società civile e mondo del volontariato. Ha detto che non ci sta, anche se tra i firmatari ci sono altri suoi colleghi: Gianni Bort dell'Unione commercio e turismo e Renato Villotti della Confesercenti.

 

Lui smentisce. "Non è vero, la mia adesione non l'ho mai data". Ma la sua adesione la darà? La sua partecipazione è assicurata? "No, io a differenza di altri che danno l'adesione e poi non partecipano, io lo dico apertamente: non ci sarò e non darò la mia adesione".

 

"Tutti noi abbiamo condannato i fatti di Soraga e di Lavarone, ci mancherebbe", afferma il presidente. Mette le mani avanti e dice: "E comunque non accetto lezioni da nessuno. Con i nostri soldi, non con quelli della Provincia, abbiamo fatto iniziative di inserimento lavoro per i richiedenti asilo, abbiamo insegnato ad un gruppo di Rovereto a lavorare con il legno. Noi - afferma - non siamo contro l'accoglienza".

 

Ma comunque non partecipa: "A differenza di altri che mettono la firma e poi non si fanno vedere, preferisco dirlo subito. E non ho cambiato idea - assicura - ho deciso liberamente di non dare l'adesione della mia organizzazione".

 

Forse si sarà confrontato con la sua base. Se fosse così, e se volesse dichiarare apertamente queste titubanze, forse sarebbe utile anche per sentire il polso della società, quello che pensa dell'accoglienza non tanto la casalinga di Voghera ma l'idraulico di un paese a caso del Trentino: "Ci sarà anche qualcuno che pensa che sull'accoglienza si sta spendendo troppo e invece vengono spesi pochi soldi per chi è in difficoltà".

 

Ma è forse questo il motivo della sua mancata adesione, qualche fetta della sua base che sull'accoglienza e sull'arrivo in Trentino dei profughi avanza qualche resistenza? "No, il motivo è che altri aderiscono e poi alla manifestazione non ci vanno. Io non sono così - sottolinea - ho ritenuto opportuno di non aderire. Su questi temi - conclude - ci vuole serietà, non si scherza".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 13:20

L'esponente di Fratelli d'Italia si scaglia contro Marco Leonardelli, responsabile Giovani Lega : "Il signor Leonardelli non mi risulta si sia mai confrontato con le preferenze e la sua associazione universitaria 'Siamo Futuro' rimane a 0" e su Divan: "Può definirsi universitario da appena un mese"

28 novembre - 11:50

Sono stati analizzati 2.388 tamponi per 494 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 20,7%. Altri 3 morti, il bilancio sale a 228 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 523 decessi da inizio epidemia

28 novembre - 12:58

L'allarme è scattato verso le 10 di questa mattina, sul posto si sono portati i vigili del fuoco, il soccorso alpino e i carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato