Contenuto sponsorizzato

Corteo sicurezza, continuano le polemiche dopo il "flop". Emilio Giuliana: "Quattro partiti e nemmeno 200 persone"

Anche i Cinque Stelle rispondono alla provocazione di Agire che chiedeva conto del perché non avessero partecipato alla manifestazione: "Lavorare per la città non vuol dire manifestare una volta all'anno contro qualcosa o qualcuno"

Pubblicato il - 20 luglio 2017 - 21:23

TRENTO. L'effetto della manifestazione sulla sicurezza che si è svolta mercoledì scorso, organizzata dalla Lega Nord a cui hanno aderito Forza Italia e Agire di Claudio Cia, è tutto interno al centrodestra. Nessun messaggio (e dire che ce ne sarebbero stati tanti) è arrivato al centrosinistra autonomista, bersaglio di slogan velenosi, ma rimasti slogan e null'altro. Nessun effetto politico se non la spaccatura proprio del fronte che della sicurezza e del degrado ne ha fatto una bandiera.

 

Anche Emilio Giuliana, figura storica della destra tutta d'un pezzo, si arrabbia e con una frase decisamente pesante e decisamente sopra le righe afferma, rivolto ai partiti presenti ieri in corteo: "Un solo negro (sic!) vale più di voi tutti messi inseme".

 

Ma intervengono anche i 5 Stelle rispondendo per le rime agli esponenti di Agire che li hanno tirati in ballo.

 

"Qualcuno ha detto che ci vuole meno sforzo mentale a condannare che a pensare", spiega il comunicato del grillino che cita Emma Goldman. "Ed effettivamente non si capisce questa ossessione di Agire nei nostri confronti quasi fossimo 'pericolosi' o con la peste".

 

"Il Trentino non ha bisogno di noi, ci fanno sapere i simpatici amici di Agire - spiega Maschio - ma crediamo siano i cittadini a doverlo decidere attraverso le urne e magari verificando con mano ciò che in Consiglio comunale come in quello provinciale stiamo cercando di fare per migliorare la sicurezza della nostra città".

 

"Avremmo dovuto partecipare alla manifestazione di ieri? - si chiede il consigliere - ma non capiamo il perché. Non abbiamo mai mancato nel denunciare le mancanze di questa amministrazione né ci siamo sottratti dal cercare di fare proposte che potessero essere utili, al contrario chi se ne è andato sbattendo la porta per non essere stato scelto come sindaco è proprio il fondatore di Agire che oggi cosi fortemente ci attacca e che si pone come il paladino della sicurezza".

 

E il riferimento è a Claudio Cia. "Proprio il fondatore di Agire che oggi cosi fortemente ci attacca e che si pone come il paladino della sicurezza. Lavorare per la città non vuol dire manifestare una volta all'anno contro qualcosa o qualcuno - osserva Maschio -  ma adoperarsi tutti i santi giorni in ogni modo possibile per migliorare ciò che da migliorare c'è".

Duro, durissimo, il commento di Emilio Giuliana, ex consigliere comunale di Fiamma Tricolore, da sempre attivista e militante delle formazioni dell'estrema destra: "Quattro partiti, due nazionali e due locali, portano in piazza soltanto 200 persone".

 

"Quindici anni fa con Fiamma Tricolore portavamo in corteo 300 persone. Dove erano questi signori venti, quindici, dieci anni fa? Cercare scuse per il fallimento della maldestra manifestazione addossando responsabilità verso chi avrebbe dovuto aderirvi (chi lo ha detto, chi lo ha scritto), pone le comparse che occasionalmente vestono i panni da eroi in una posizione ancor più ridicola".

 

"Se volete dimostrare il vostro valore, sono pronto a mettervi alla prova", afferma con sprezzo. E rivolgendosi agli organizzatori della manifestazione dice: "Un solo negro (!) vale più di voi tutti messi inseme". 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato