Contenuto sponsorizzato

Guardie mediche, le minoranze: "No ai tagli". A fine mese seduta straordinaria in Provincia

L'intero fronte delle opposizioni in consiglio provinciale ha chiesto di sospendere la delibera che abbasserebbe da 150 a un centinaio le guardie mediche in Trentino. "Se ne discuta prima con i territori"

Pubblicato il - 15 settembre 2016 - 11:24

TRENTO. Tagliare le guardie mediche sul territorio provinciale? No grazie: a dirlo l'intero fronte di opposizione dell'assemblea legislativa provinciale che ha chiesto alla Giunta Rossi di sospendere l'applicazione del deliberato che taglia il numero delle guardie mediche sul territorio. L'intento è quello di "intraprendere un confronto leale e trasparente con gli amministratori locali, teso a concertare soluzioni che siano rispettose delle peculiarità dei territori e delle aspettative della popolazione".

 

Il testo, sottoscritto in ordine alfabetico dai consiglieri Bezzi, Borga, Bottamedi, Cia, Civettini, Degasperi, Fasanelli, Fugatti, Giovanazzi, Simoni, Viola e Zanon, spiega in premessa che i presidi territoriali delle guardie mediche subiscono con il piano di riorganizzazione appena varato una decurtazione del 30%: si passa da 33 presidi a 20 (con due sedi che diventano operative solo durante la stagione turistica), e da circa 150 guardie mediche a un centinaio.

 

I sindaci -  scrivono i consiglieri provinciali di minoranza - riferiscono di avere appreso l'operazione da comunicazioni dell'Azienda sanitaria o tramite telefonate dai vertici del proprio distretto, "quindi senza un reale confronto e una concertazione dell'iniziativa". Si lamenta una visione non chiara in questo piano e la prospettiva di una progressiva centralizzazione della sanità, "con aumento degli accessi nei pronto soccorso principali e conseguente calo della qualità del servizio".

 

A fine mese, per questo, ci sarà una seduta straordinaria del consiglio provinciale. La conferenza dei capigruppo - convocata stamane dal presidente Bruno Dorigatti - l'ha fissata in calendario per martedì 27 settembre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, sabato sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato