Contenuto sponsorizzato

Via il garante dei detenuti dalla legge di bilancio. I diritti civili ancora nel mirino

Il presidente del consiglio Dorigatti ha deciso lo stralcio della norma: "Si altererebbe l'equilibrio tra maggioranza e opposizioni"

Di Donatello Baldo - 22 novembre 2016 - 14:24

TRENTO. Il presidente Bruno Dorigatti ha deciso: il Garante dei detenuti non passerà. Nel senso che l'ipotesi di inserire la sua costituzione all'interno di un articolo della legge di stabilità discussa a breve nella sessione del Consiglio provinciale dedicata al bilancio è stata bloccata.

 

“Nella legge di stabilità è contenuta una disposizione estranea ai contenuti che la legge di stabilità dovrebbe avere”, ha scritto il presidente Dorigatti in risposta alle osservazioni di Ugo Rossi. Si riferisce ovviamente alla norma che avrebbe permesso di evitare la discussione in Consiglio e permettere all'Aula di licenziare manovra di bilancio e assieme l'istituzione del garante.

 

“Nella legge di stabilità dovrebbero essere incluse disposizioni che hanno effetti finanziari diretti”, quindi, a parere di Dorigatti, non quelle su altri argomenti non legate al bilancio. “Osservo che i provvedimenti connessi alla manovra godono di una corsia preferenziale giustificata dalla rilevanza primariamente finanziaria della manovra”, continua il presidente del Consiglio. Come a dire che gli altri argomenti devono passare attraverso la discussione.

 

“Altrimenti si altererebbero i meccanismi del lavoro consiliare e l'equilibrio che in essi trovano le ragioni della maggioranza e quelle delle opposizioni”. Ragioni legittime, anche quelle della minoranza consiliare, ma capaci di bloccare da otto anni la discussione e la decisione in merito al tema del garante. Una figura a tutela dei detenuti e delle loro famiglie che in Trentino, a differenza del resto del Paese, non è istituita.

 

“Capisco i diritti dell'opposizione – spiegava Mattia Civico nei giorni scorsi – ma anche la maggioranza ha il diritto e il dovere di tradurre in legge la propria linea politica e le proprie priorità”. Il tema è ancora quello dell'ostruzionismo che le minoranze utilizzano per sbarrare la strada a ogni legge che affronti il tema dei diritti civili. Così è stato sulla legge contro l'omofobia, così sarà per quella sulla doppia preferenza di genere e dopo lo stop di oggi sembra che questo sia il destino anche dell'istituzione del garante dei detenuti e del garante dei minori.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 19:52
Trovati 36 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 113 guarigioni. Sono 689 i casi attivi sul [...]
Cronaca
18 maggio - 21:40
L'allerta è scattata lungo la MeBo in direzione nord all'altezza dell'uscita per Terlano. In azione la macchina dei soccorsi, due le persone [...]
Politica
18 maggio - 17:18
C'è da evidenziare che i numeri rispetto al capoluogo sono molto diversi: 998 domande a Trento tra ottobre 2020 e aprile 2021, mentre a Rovereto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato