Contenuto sponsorizzato

Kaswalder che chiede a Durnwalder: "Vieni in Trentino a governarci al posto di Ugo Rossi?". Il siparietto alla scuola di politica della Lega Nord

Tra gli ospiti anche, la commissaria di Forza Italia in Provincia di Bolzano Elisabetta Gardini e i consiglieri Claudio Cia, Giacomo Bezzi. Walter Kaswalder: "Ho colto l'occasione per fargli questo appello, il Sudtirolo l'ha governato molto bene"

Di Donatello Baldo - 26 March 2017 - 08:40

TRENTO. I militanti della lega, i futuri dirigenti del Carroccio, sono stati chiamati alla scuola di politica. Una specie di corso di aggiornamento per gli iscritti sui 'temi bandiera': immigrazione, sicurezza, autonomia. Con uno sguardo anche al mondo dei social-network m sempre più importante per la comunicazione politica.

 

Una giornata di approfondimento all'Hotel Heverest con relatori d'eccezione come l'eurodeputato Lorenzo Fontana e il capogruppo alla Camera dei Deputati Massimiliano Fedriga. Ma il nome di spicco è quello di Luis Durnwalder, l'ex presidentissimo del Sudtirolo, che davanti alla platea leghista ha parlato di Autonomia, ovviamente.

 

Dei dirigenti locali, in prima fila c'erano Maurizio Fugatti e Alessandro Savoi, l'attuale capogruppo in Consiglio provinciale e l'ex consigliere delle passate legislature.  

 

Tra gli ospiti anche, la commissaria di Forza Italia in Provincia di Bolzano Elisabetta Gardini e i consiglieri Caludio Cia, Giacomo Bezzi e Walter Kaswalder. "Io sono passato solo per salutare il mio amico Durni - ha detto quest'ultimo - il tempo di congratularmi con lui perché l'ho visto proprio in forma, ancora molto in gamba"

 

"Ho colto l'occasione per fargli un appello - ha spiegato Kaswalder - gli ho chiesto di aiutarci, di candidarsi in Trentino e fare il governatore al posto di Ugo Rossi". Un siparietto simpatico, in tanti hanno riso. "Ma non ha detto di no - precisa il consigliere - perché sarebbe bello che si spendesse ancora per la politica e l'amministrazione: a Bolzano ha fatto un lavoro eccezionale, ha governato il Sudtirolo in modo esemplare".

 

Oltre alla boutade c'è però un'idea: il nuovo movimento autonomista che Kaswalder vorrebbe presentare alle prossime elezioni provinciali potrebbe avere la proprio dall'amico Durni, e come 'acchiappavoti' non sarebbe male. I rapporti sono di stima reciproca e di profonda amicizia, e li accomuna l'insofferenza per i partiti di origine, l'Svp da una parte e il Patt dall'altra. Un'insofferenza che, grazie all'amicizia che li lega, potrebbe dar vita a qualcosa di nuovo.

 

In fondo sono in gamba entrambi. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 17:29
Sono stati analizzati 2.035 tamponi tra molecolari e antigenici. Sono stati trovati 13 casi tra under 19 e 3 contagi tra gli over 60. Ci [...]
Ambiente
16 settembre - 13:23
Rinascita Rovereto annuncia un ricorso alla Corte dei Conti per “il danno erariale procurato dalle normative poste in essere dai responsabili [...]
Cronaca
14 settembre - 17:37
L'uomo ha attirato l'attenzione delle forze dell'ordine durante un controllo stradale, la perquisizione allargata anche all'abitazione ha portato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato