Contenuto sponsorizzato

La notte dei risultati, la solitudine del Pd e i brindisi dei sostenitori del No

Giacomo Bezzi: "Quando il popolo vota in massa la sinistra perde". Gilmozzi dopo il discorso di Renzi: "Da oggi sono renziano anch'io"

Di Donatello Baldo - 05 dicembre 2016 - 09:41

TRENTO. Nella sede del Partito Democratico Trentino oltre alla delusione si sentiva l'aria della solitudine. Poche persone, il segretario Italo Gilmozzi, la renziana doc Elisa Filippi, il deputato Michele Nicoletti e i due giovani della segreteria politica, Gabriel Echeverria e Kristofor Ceko. Nessun consigliere provinciale, nessun consigliere della città. Poche parole, lo zapping compulsivo tra le schede del sito internet del Ministero degli interni proiettate su un muro bianco.

 

"Bene - afferma Nicoletti con amara ironia - ora fanno una legge elettorale proporzionale e saranno tutti contenti. Sono tutti d'accordo - spiega - sinistra, Berlusconi, 5 Stelle. I prossimi governi andranno da Brunetta a Fassina, e Grillo starà all'opposizione senza prendersi nessuna responsabilità". 

 

Facce lunghe. Anche i dati che arrivano dai seggi trentini si allineano con il risultato nazionale: "Se perdiamo a Trento città perdiamo ovunque", spiega Elisa Filippi. Infatti il risultato sarà poi questo, la vittoria del No anche nella nostra provincia. 

 

Facce allegre invece a pochi passi dalla sede Pd: al ristorante Antico Pozzo ci sono i consiglieri provinciali Claudio Cia, Giacomo Bezzi, Maurizio Fugatti e il consigliere cittadino Cristian Zanetti. E una tavolata di giovani che si aggiornano sugli smartphone per poi condividere con soddisfazione i dati del trionfo del No

 

"Quando la gente vota in massa - afferma Giacomo Bezzi - la sinistra perde sempre". Perché è così per i lui e per i suoi commensali, ha vinto la destra, la destra contro la sinistra. "E la Svp è diventata ormai la succursale del Pd", aggiunge Bezzi. E si riferisce alla vittoria del Sì in provincia di Bolzano.

 

Ma torniamo al Pd, ai pochi che nella sede provinciale del partito hanno seguito in religioso silenzio il discorso di Matteo Renzi. Elisa Filippi ha nascosto un poco l'emozione, toccata soprattutto quando il premier ha ringraziato i militanti che in questa campagna referendaria si sono spesi per cercare la vittoria. 

 

Finito il discorso di Renzi, Italo Gilmozzi ha detto questo: "Non sono mai stato renziano, ma lo sarò da questa sera", affermando così il suo apprezzamento per l'ormai ex premier, per il suo intervento e la sua decisione di assumersi la responsabilità della sconfitta. Ma Gilmozzi mica si commuove: "Mangiamo il panettone dai - annuncia ai suoi - e se trovassi un cavatappi vorrei aprire anche questa bottiglia di vino bella fresca...". 

 

Niente brindisi però. Tutt'altra situazione al ristornate lì vicino dove alcuni del No si sono dati appuntamento: loro hanno fatto cin-cin e hanno detto mille volte "evviva", sui tavoli sono rimasti i secchielli del ghiaccio, all'interno bottiglie di spumante ormai vuote. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato