Contenuto sponsorizzato

Primarie PD, nei circoli vince Matteo Renzi, ma vota solo la metà degli iscritti. Ecco tutti i risultati, con alcune sorprese

L'ex premier perde a Riva del Garda e nella collina di Trento. Stravince in Centro storico. A Rovereto, seppur sostenuto dai Big, Emiliano medaglia di bronzo. Si avvicina la scadenza delle primarie del 30 aprile: sarà impossibile arrivare alla partecipazione del 2013 (18.000 persone). L'obiettivo è avvicinarsi ai 6.000 dello scorso congresso provinciale

Pubblicato il - 01 aprile 2017 - 18:27

TRENTO. Si sono concluse le assemblee congressuali di circolo, uno dei passaggi preliminari che precedono l'appuntamento con le primarie del Partito democratico che incoroneranno, il 30 aprile prossimo, il nuovo segretario nazionale. In Trentino vince Matteo Renzi con il 58% dei voti degli iscritti, mentre Andrea Orlando si piazza al secondo posto con il 36, 5% seguito dall'ultimo in lizza Michele Emiliano che riesce a superare di poco il 5%.

 

Nelle assemblee che si sono tenute presso i circoli territoriali hanno votato 580 iscritti, il 45,5% del totale. Sono infatti 1.276 in tutto il Trentino, calati di quasi 200 unità rispetto al 2016, "ma per un andamento fisiologico che dipende dalle attività dei circoli", spiegano i dem locali. Ha votato quindi la metà degli aventi diritto, alcune zone non si sono proprio espresse. Ad esempio il circolo di Fiemme e Fassa, 8 iscritti zero voti, Mezzolombardo, 17 iscritti zero voti, Folgaria, 4 iscritti zero voti. Zero anche a Meano, pur contando 5 iscritti. 

 

Ha vinto Renzi, abbiamo detto, con 338 voti, il 58,28%. Ha vinto ovunque fuorché in collina: Marzola, Orlando batte Renzi 13 a 9, Emiliano 0; Oltrefersina sul filo, Orlando 9 Renzi 8, Emiliano 0. Un dato che contrasta con il Centro storico del capoluogo dove l'ex presidente si aggiudica il 76% dei suffragi

 

Ovunque ma non in Destra Adige dove per un voto vince Orlando (9 a 8), non a Dro-Drena (13 Orlando, 10 Renzi, 2 Emiliano), non nel Basso Chiese dove Renzi prende solo 3 voti, 5 Orlando e 1 Emiliano. Anche ad Ala Renzi non sfonda, solo 5 voti, 8 vanno a Orlando, 5 a Emiliano. E ad Avio: un solo voto a Renzi, 3 a Emiliano.

 

Ma la sorpresa più grande è a Riva del Garda, dove Renzi si deve accontentare di 9 voti mentre Orlando di voti se ne prende 26. Ma Renzi, quindi, dove ha vinto? Ovunque, dicevamo, e sorprendentemente anche a Rovereto. Nella Città della Quercia, nel 2013, Renzi arrivò terzo dopo Cuperlo e addirittura dopo Civati. Questa volta invece, nonostante un big roveretano come Andrea Miorandi e un po' tutto il gruppo consigliare sostenesse Emiliano, Matteo Renzi ha vinto con 28 voti, Orlando ne ha presi 15, Emiliano "solo" 11 (comunque tanti considerato il trend locale e nazionale).

 

Questo voto, che ha coinvolto tutti i circoli, è servito per determinare la composizione della Convenzione provinciale, l'assemblea formata dai delegati di ogni circolo eletti in proporzione alle percentuale di ogni candidato. Si riunirà mercoledì prossimo a Trento, prenderà atto del voto e procederà con l'elezione dei sei delegati che andranno a Roma alla Convenzione nazionale per il congresso. 

 

Ma la scadenza importante sarà quella del 30 aprile: ci saranno le primarie aperte a tutti i cittadini. Saranno queste a incoronare il segretario, scelto tra Matteo Renzi, Andrea Orlando e forse Michele Emiliano, perché quest'ultimo dovrà prima superare nelle assemblee congressuali di circolo di tutta la Nazione il 5% che è la soglia di sbarramento per poter concorrere).

 

Nel 2013 votarono in Trentino 18 mila persone. Un record assoluto difficile da replicare. Il paragone è quello dell'ultimo congresso provinciale quando alle urne sono andati in circa 6 mila. Se il 30 aprile si raggiungerà questa cifra sarà una vittoria, altrimenti una sconfitta per la partecipazione che, per tutti, sembra in calo ormai ovunque.


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

23 gennaio - 18:42

Cala il numero dei pazienti in ospedale ma sale quello delle terapie intensive. Altri 6 decessi. Sono state registrate 24 dimissioni e 187 guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato