Contenuto sponsorizzato

Tensioni nel centro-destra: Cia difende i "transfughi" e attacca Progetto Trentino: "Progetto che mira al potere"

Il consigliere di Agire: "Non sono transfughi ma esuli, costretti a lasciare la propria casa per non finire trascinati nel buco nero dell’ambiguità politica"

Di Donatello Baldo - 12 dicembre 2016 - 16:30

TRENTO. Transfughi, traditori, voltagabbana, Categorie della politica che Federico Zanotti e Roberto Cadonna non sopportano e non intendono indossare, che rigettano sdegnati all'indirizzo da cui sono partite. I due che appartenevano a Progetto Trentino, coordinatore e vicecoordinatore cittadino, hanno da poco abbracciato la lista di Claudio Cia Agire per il Trentino e sono stati accusati, appunto, di rientrare in quelle categorie di cui sopra.

 

"Dispiace allora constatare che i signori Zanotti e Cadonna hanno dimostrato sia di non aver il coraggio di manifestare apertamente le proprie riserve e motivazioni, sia di essere i protagonisti di quella vecchia politica che tanto dicevano di voler combattere - afferma un comunicato di Pt -  perché se è lecito andarsene è un dovere dire il perché, guardando in faccia i compagni di una battaglia e non nascondendosi dietro il foglio di una misera letterina".

 

"No, non ci stiamo ad essere additati come codardi - affermano invece i due ex Pt ora Agire - non possiamo accettare le dichiarazioni di chi, in nome e per conto di Progetto Trentino, ci ha rimproverato di non volere vivacchiare nell'ambiguità che, a nostro avviso, sta caratterizzando il modus operandi di questa forza politica".
 
"Non abbiamo cambiato casacca - affermano convinti - semmai abbiamo nuovi amici con cui condividere quello che siamo e siamo sempre stati. Sa di mentire - continuano Zanotti e Cadonna - chi dichiara che noi non abbiamo cercato il confronto. In più occasioni, infatti, l’abbiamo fatto dopo aver letto sulla stampa circa trattative con Carlo Daldoss e possibili alleanze con il PD, se questo avesse rinunciato a pretendere di dettare l’agenda politica".
 
"Noi abbiamo chiesto chiarimenti - spiegano -  ma non abbiamo avuto ascolto e siamo rimasti senza risposte. A questo punto non ci è rimasto che reagire, perché non intendiamo prestarci a fare da comparsa ed essere sfruttati in processi politici che non ci appartengono".
 
I due esponenti di Agire concludono la nota dicendo: "Non siamo pedine in una partita a scacchi dove chi conta è re: questo è il vecchio modo di concepire la politica. Il movimento Agire è per noi il naturale approdo di chi rifugge l’ambiguità, crede nella trasparenza e nella coerenza, nella volontà di affrontare i molteplici problemi proposti dai cittadini per quello che sono, senza pregiudizi e pregiudiziali politiche, per non disturbare questo o quello"

 

Subito in soccorso dei suoi due nuovi iscritti, interviene Caludio Cia, fondatore di Agire e massimo esponente. "C’è chi ha voluto raffigurare Federico Zanotti e Roberto Cadonna ad Agire come transfughi. Niente di più sbagliato e deliberatamente fuorviante - afferma il consigliere - la lingua italiana è chiara: il transfuga è un disertore, colui che abbandona il suo posto di combattimento per passare al nemico, chi abbandona e rinnega le proprie convinzioni e posizioni ideologiche passando a movimenti opposti. Ma Federico e Roberto - osserva Cia - non abbandonano le loro convinzioni e men che meno passano al nemico".

 

"Semmai dovrebbero essere considerati come esuli, costretti a lasciare la propria casa per non finire trascinati nel buco nero dell’ambiguità politica. Loro sono rimasti più che mai fedeli a sé stessi, evidentemente è Progetto Trentino che sembra aver preso delle deviazioni non più accettabili". E così parte l'affondo politico ai "fratelli" dell'opposizione accusati nemmeno tanto sottilmente di essere troppo accondiscendenti con la maggioranza.

 

"Io stesso - confessa Caludio Cia - mi sono trovato nella stessa condizione, costretto a lasciare la lista civica che mio malgrado ho contribuito a far conoscere, dopo una miriade di piccoli e grandi episodi sommati ad una complice assenza su importanti temi di attualità. Un’ambiguità, quella in politica, che non è mai lasciata al caso - afferma il consigliere -  perché dietro al paravento da civici, centristi, moderati o che dir si voglia è facile nascondere progetti finalizzati a costruire scenari di potere politico che nulla hanno a che fare con gli interessi delle persone, minando una credibile azione di opposizione".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 15:43

Dopo la presa di posizione del Patt provinciale la coalizione che sostiene Malfer perde pezzi: “La storia personale e sensibilità politica di una buona parte delle persone del gruppo non acconsente al tentativo di trovare un accordo programmatico con tutto il Centrodestra”. La firmataria dell’apparentamento Bazzanella: “A volte le scelte non sono semplici”

25 settembre - 17:06

Gli sciatori nella prossima stagione invernale troveranno ben 9 impianti di risalita completamente rinnovati, nonché numerose piste rimodellate. Un quarto dei soldi investiti sarà indirizzato al miglioramento degli impianti di innevamento artificiale

26 settembre - 16:34

Il bambino positivo frequenta la scuola elementare Pestalozzi di Bolzano. Venerdì 25 settembre, invece, è stato individuato un focolaio nella scuola superiore Gandhi di Merano che rimarrà chiusa in via precauzionale per le prossime due settimane

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato