Contenuto sponsorizzato

Verso il referendum. Politica trentina divisa

Gilmozzi per il Sì, Dorigatti per il No, Panizza per il Forse. Kaswalder: "Si discuta sui temi e non sul sostegno a Renzi"

Pubblicato il - 09 agosto 2016 - 14:48

TRENTO. "Il riformismo improvvisato privo di buone riforme può essere ampiamente peggiore" della Costituzione ora vigente. E "guai a dividere tra appartenenti al partito del cambiamento contrapposto a quello dell'immobilismo" - ammonisce il consigliere Walter Kaswalder.  "La conservazione è sicuramente preferibile al cambiamento quando questo è inferiore come proposta all'esistente". Per Kaswalder l'unico modo "per non prendere in giro la popolazione" è quello di discutere "sui contenuti e non sull'appoggio all'attuale governo nazionale". 

 

Questo il pensiero del consigliere autonomista sul tema della riforma costituzionale. E in vista del referendum la sua posizione sembra scostarsi di molto da quella dei vertici del suo partito e dal suo stesso segretario. Franco Panizza ha infatti votato favorevolmente, in qualità di senatore, alla riforma fortissimamente voluta da Matteo Renzi e proposta dalla ministra Maria Elena Boschi.  

 

Ma quello del segretario del PATT non è affatto un Sì incondizionato. In cambio del sostegno al referendum le Stelle alpine chiedono a Roma delle garanzie certe su competenze regionali e modifica dello statuto. "Un impegno scritto e sottoscritto da Renzi o dalla ministra Boschi", auspica in queste ore il senatore autonomista.

 

Parole che fanno arrabbiare il segretario del PD del Trentino Italo Gilmozzi che chiarisce subito: "Va bene chiedere impegni al governo nazionale sui temi dell'autonomia ma nessun ricatto sul referendum".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

01 giugno - 18:40

Il presidente della Pat ha parlato a lungo anche della questione nidi e materne tradendo un pensiero evidentemente comune nella Giunta di vedere queste strutture come dei meri parcheggi di bambini. Tutto è ricollegato al tema economico: ''Così i genitori possono tornare a lavorare''. Si torna a circolare liberamente in regione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato