Contenuto sponsorizzato

Verso il referendum. Politica trentina divisa

Gilmozzi per il Sì, Dorigatti per il No, Panizza per il Forse. Kaswalder: "Si discuta sui temi e non sul sostegno a Renzi"

Pubblicato il - 09 agosto 2016 - 14:48

TRENTO. "Il riformismo improvvisato privo di buone riforme può essere ampiamente peggiore" della Costituzione ora vigente. E "guai a dividere tra appartenenti al partito del cambiamento contrapposto a quello dell'immobilismo" - ammonisce il consigliere Walter Kaswalder.  "La conservazione è sicuramente preferibile al cambiamento quando questo è inferiore come proposta all'esistente". Per Kaswalder l'unico modo "per non prendere in giro la popolazione" è quello di discutere "sui contenuti e non sull'appoggio all'attuale governo nazionale". 

 

Questo il pensiero del consigliere autonomista sul tema della riforma costituzionale. E in vista del referendum la sua posizione sembra scostarsi di molto da quella dei vertici del suo partito e dal suo stesso segretario. Franco Panizza ha infatti votato favorevolmente, in qualità di senatore, alla riforma fortissimamente voluta da Matteo Renzi e proposta dalla ministra Maria Elena Boschi.  

 

Ma quello del segretario del PATT non è affatto un Sì incondizionato. In cambio del sostegno al referendum le Stelle alpine chiedono a Roma delle garanzie certe su competenze regionali e modifica dello statuto. "Un impegno scritto e sottoscritto da Renzi o dalla ministra Boschi", auspica in queste ore il senatore autonomista.

 

Parole che fanno arrabbiare il segretario del PD del Trentino Italo Gilmozzi che chiarisce subito: "Va bene chiedere impegni al governo nazionale sui temi dell'autonomia ma nessun ricatto sul referendum".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato