Contenuto sponsorizzato

Vitalizi, Dellai vota contro la legge che propone il taglio. Fraccaro, Ottobre e Nicoletti a favore

Alcuni ex parlamentari trentini sfiorano i 6 mila euro al mese di vitalizio mensile per le legislature passate. Il più povero prende comunque più di 2 mila euro

Pubblicato il - 27 July 2017 - 10:57

TRENTO. Alla Camera è passata, e se passa al Senato diventa legge. La proposta Ricchetti che ricalcola su base contributiva, e non più retributiva, i vitalizi degli ex parlamentari ha lasciato uno strascico di polemiche. Anzitutto sulla primogenitura del provvedimento: i grillini dicono siamo stati noi, i dem lo stesso.

 

Sta di fatto che questo voto, se venisse confermato, porterebbe a una riduzione del 40% dei vitalizi. Anche se, sono in molti a sostenerlo, questa legge toccherebbe diritti acquisiti e sarebbe ad alto rischio di incostituzionalità.

 

Di questo parere è Lorenzo Dellai, che questa legge non l'ha votata. Motivando questa scelta: "Per onestà intellettuale, perché questa non è altro che una legge-bandiera. I vitalizi sono stati aboliti per i parlamentari eletti dopo il 2002, per gli altri si tratta di diritti acquisiti, toccarli sarebbe a rischio incostituzionalità".

 

Hanno votato a favore, ovviamente, il pd Michele Nicoletti e il m5s Riccardo Fraccaro. Mauro Ottobre, anche, e suo è un ordine del giorno che la Camera ha approvato. Chiede, in sostanza, che il Governo presenti un provvedimento per permettere ai parlamentari di rinunciare all'indennità al momento dell'elezione. 

 

Come si diceva, questa legge, che ora passerà al Senato, prevede un taglio drastico sui vitalizi agli ex parlamentari. Si calcola che il risparmio annuo potrebbe assestarsi a quasi 80 milioni all'anno. Un risparmi che si accumulerebbe anche grazie ai tagli che riguarderebbero gli ex deputati eletti nei collegi della nostra provincia.

 

Giorgio Postal, che si è fatto sei legislature, si vede riconosciuto un vitalizio di quasi 6 mila euro. Così Marco Boato, con 6 legislature. Ma percepiscono cifre attorno ai 5 mila euro  anche Renato Ballardini, un po' meno Luciano AzzoliniMario Raffaelli e Renzo Gubert, sui 4 mila. 

 

Erminio Boso della Lega di vitalizio intasca circa 3 mila euro al mese, come Gigi Olivieri del Pd. E su queste cifre si posiziona anche Ivo Tarolli. Ma percepiscono vitalizi che valgono molto più di uno stipendio anche Giacomo Santini, Sandro Shmid, Renzo Michelini e tutti gli altri che dal Trentino sono stati eletti alla Camera o al Senato negli anni scorsi.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 March - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

03 March - 08:54

E' successo nelle prime ore di questa mattina. Un'auto si è scontrata con il carrello e altri due mezzi sono andati a collidere per evitare di investirlo. Non ci sono stati feriti 

03 March - 08:06

L'esponente leghista ha preso il posto di Andrea Merler che si è dimesso a metà febbraio. Ad indicare il nome di Bridi è stato il collega Giuseppe Filippin ma il centrodestra nella votazione si è diviso 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato