Contenuto sponsorizzato

In Uganda cacao solidale targato Acav e un po' di Trentino anche per le 'nuove' parrucchiere e sarte

L'associazione trentina si trova in Uganda per aiutare il paese a far fronte all'emergenza del paese, acuita dall'arrivo di oltre un milione di persone in fuga dal Sud Sudan. Bozzarelli: "Oltre alla perforazione dei pozzi, forniamo una formazione professionale e kit per contadini per dare una speranza di futuro"

Di Luca Andreazza - 19 novembre 2017 - 17:56

TRENTO. Prende sempre più forma il progetto di Acav-Associazione centro aiuti al volontariato , realtà trentina impegnata da oltre trenta anni in West Nile tra perforazione di pozzi per l'acqua e il sostegno dell'agricoltura.

 

L'Uganda ha accolto quasi un milione di donne, uomini e bambini fuggiti dal Sud Sudan nuovamente in preda alla guerra civile. Per sfuggire a razzie, aggressione e rappresaglie messe in atto da militari di opposte fazioni non c'è altra chance che cercare scampo oltre confine, nel nord dell'Uganda. 

 

Il primo rifugio di questo popolo in fuga è il West Nile, la regione più povera dell’Uganda. Qui, nonostante il progresso degli ultimi anni, il 46% delle famiglie vive ancora con un reddito di 2 dollari al giorno, un’economia di pura sussistenza e in una quotidiana lotta per non morire e la scuola elementare è fatta di classi con più di 100 alunni senza nessuno strumento didatti

 

In questa nuova drammatica emergenza Acav sta collaborando con gli amministratori locali e con gli organismi internazionali nell'organizzazione dei campi di accoglienza, grazie al sostegno di molti soci ed amici che non hanno fatto mancare il loro sostegno, e alla Provincia di Trento che ha finanziato un progetto di emergenza per portare acqua a centinaia di migliaia di persone.

 

Le comunità ugandesi, molto povere, stanno infatti accogliendo infatti i vicini sud sudanesi più poveri di loro, mentre il governo prova ad aiutarli a sistemarsi e sopravvivere. La situazione è delicata e rischia di far nascere contrasti e conflitti tra rifugiati e residenti.  

 

A Rhino Camp, 450 chilometri quadrati, sono ospitate 86.500 persone divise in sei 'villaggi', che sono distese di capanne di paglia o piccole tende fatte con teli di plastica dell'Onu (Qui articolo). In tre villaggi ogni persona ha a disposizione 12 litri di acqua al giorno, in altri due 7 litri al giorno e nell'ultimo si arriva al massimo 3 litri al giorno (Qui articolo). 

 

"A giugno - spiega Elisabetta Bozzarelli, direttrice di Acav - avevamo appena iniziato un progetto che prevede la formazione di ragazze vulnerabili scappate dalla guerra e ricordo gli occhi segnati dalla tristezza e dalle violenze subite. Oggi, dopo aver frequentato un corso professionale, dalla parrucchiera alla sarta, sono decisamente diverse: fiduciose e felici. Il prossimo passo è quello di fornire un kit di attrezzi per avviare la professione".

 

Acav Trento significa, infatti, anche formazione professionale per i giovani: "In cinque anni - aggiunge la direttrice - ben l'85 % dei circa 2 mila ragazzi formati ha trovato lavoro. Questo progetto si rivolge a ragazzi fuoriusciti dal sistema scolastico, selezionati con la massima attenzione alla parità di genere per garantire l’accesso a corsi di formazione professionale con la fornitura di un kit di start up per iniziare a mettere in pratica sin da subito le nuove competenze apprese".

 

Un piano che prevede inoltre la distribuzione a 400 piccoli contadini e contadine del West-Nile circa 286 mila piantine di essenze forestali, cacaomango, mentre altri 200 piccoli contadini saranno formati e seguiti per costituire vivai forestali per la produzione delle piantine.

 

"Dopo gli ottimi riscontri di un analogo intervento in ambito educativo - dice la direttrice - Acav si è vista confermare per il triennio 2016/18 la partnership con l'Unione europea, la Provincia di Trento e la Fondazione San Zeno per un nuovo progetto finalizzato alla formazione professionale e al successivo inserimento lavorativo di ragazzi tra i 14 e 19 anni nella zona del West-Nile".

 

Interventi che rientrano nella campagna 'Aiutiamoci a casa loro' (Qui info): "Cerchiamo - conclude Bozzarelli - nel nostro piccolo di favorire lo sviluppo dell'area compresa tra Uganda e Sud Sudan attraverso azioni come la costruzione di pozzi per l'acqua potabile, il sostegno all'agricoltura e la sicurezza alimentare e la formazione professionale. Cerchiamo di creare una nuova forma di corresponsabilità e un nuovo umanesimo. Sviluppare quella parte di mondo significa anche rimarcare un diritto, quello di vivere e abitare la loro terra. Tanti sudanesi vogliono ritornare a casa una volta terminato il conflitto".

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 19:35

Seggi aperti dalle 6 alle 22, lunedì lo spoglio. Sono 427.450 i trentini e le trentine chiamate alle urne per eleggere il nuovo Consiglio provinciale. Ecco tutti i candidati, nome per nome e lista per lista

20 ottobre - 20:34

L'avevamo trovato l'ultima volta al gazebo di piazza Dante, in quell'occasione si era mostrato fiducioso, ma alla fine è rimasto escluso. Non è riuscito a raccogliere le 500 firme: "Sono il cambiamento, ma mi hanno ostacolato con la doppia preferenza e la burocrazia"

20 ottobre - 19:14

Gli altri motociclisti che si trovavano con lui, non vedendo più alle loro spalle, sono tornati indietro e lo hanno trovato in fondo ad una scarpata. Sul posto vigili del fuoco volontari di Brentonico, carabinieri, Croce Rossa e elicottero 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato