Contenuto sponsorizzato

Oltraggiano il presepe di Bolzano e postano la foto. Scoppia la bufera sui social

Tre ragazzi (dei quali copriamo i volti perché potrebbero essere minorenni) si sono resi protagonisti di questa scenetta degradante. La loro immagine con tanto di frase provocatoria "ci guardavano male" sta facendo il giro d'Italia ed è bufera

Il post su Instagram con i volti pixelati dal nostro giornale
Di L.P. - 13 dicembre 2017 - 13:01

BOLZANO. Sta facendo il giro d'Italia la foto di tre ragazzi che al Mercatino di Natale di Bolzano si sono fatti ritrarre in questa squallida maniera. Un immagine degradante che in breve è diventata virale e che sui social si sta diffondendo a macchia d'olio. Tre ragazzi che si sono introdotti nella capanna del presepe di Piazza Walther per farsi fotografare in atteggiamenti che noi stessi facciamo fatica a definire goliardici. I due maschi mimano un rapporto con una pecorella e un Re Magio.

 

La ragazza beve il più classico dei brulè con piede posato nella mangiatoia sopra al Gesù Bambino. Abbiamo coperto i volti perché i tre potrebbero essere minorenni e il gesto in sé è talmente sciocco che vogliamo augurarci non sia stato congeniato da tre adulti ma sia frutto di una stupida ragazzata di giovanotti che oggi si staranno vergognando per quanto fatto.

 

 

Un atto di per sé stupido e maleducati, tra l'altro ai limiti del blasfemo e, forse, potenzialmente anche sanzionabile visto l'articolo 404 del codice penale che punisce con una multa tra i 1.000 e i 5.000 euro "chiunque, in un luogo destinato al culto, o in un luogo pubblico o aperto al pubblico, offendendo una confessione religiosa, vilipende con espressioni ingiuriose cose che formino oggetto di culto, o siano consacrate al culto, o siano destinate necessariamente all'esercizio del culto" (bisogna vedere se il presepe di una piazza si possa intendere come oggetto di culto).

 

Quel che è certo è che alla fesseria dell'atto è seguita la cavolata di postare la bravata su Instagram con tanto di frase irridente: "Ci guardavano male". E la foto ha anche ottenuto la bellezza di oltre 100 like. Ora, senza voler colpevolizzare nessuno (ci penserà la rete visto che la foto con tanto di volti scoperti sta spopolando in tutta Italia scatenando rabbia e indignazione), non possiamo che stigmatizzare l'accaduto certi che i tre già oggi avranno capito perché, "li guardavano male".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 04:01

Quella vissuta da una madre e un figlio trentini è una storia che ha accomunato molti cittadini, abbandonati a sé stessi nell'isolamento da Coronavirus e nella confusione di normative che continuano a cambiare. Chiusi in casa per un mese perché positivi al Covid, si sono dovuti arrangiare per poter finalmente tornare a lavorare

25 novembre - 19:50

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 179 positivi a fronte dell'analisi di 3.403 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,3%

25 novembre - 16:18

Nuovo corso e anche nuova sede: terminati i lavori di ristrutturazione, Palazzo Consolati ha aperto le sue porte agli studenti e alle studentesse che da poche settimane hanno iniziato a frequentare le lezioni. Oggi, mercoledì 25 novembre, in una cerimonia e conferenza stampa online è stato inaugurato il corso di Medicina e Chirurgia dell'Università di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato