Contenuto sponsorizzato

'Regala un'ostetrica', l'idea per le neomamme che vogliono il supporto di un'esperta. L'inziativa di una 27enne: "Visite a casa per spiegare ai genitori come si fa"

Sara Andreatta esercita la libera professione nel suo centro a Trento Sud. Ha creato una rete efficiente di professionisti sanitari e propone tanti servizi per donne, mamme e papà durante la gravidanza e non solo

Di Cinzia Patruno - 26 novembre 2017 - 15:32

TRENTO. Spesso capita che università e tirocini non insegnino proprio tutto, ad esempio a "farsi da soli" o ad essere empatici. Sara Andreatta è una di quelle che nella libera professione ci si è buttata, con grande passione per quello che ha studiato ed una propensione naturale a prendersi cura delle donne in un momento di grande cambiamento nelle loro vite: gravidanza, parto e tutto quello che viene dopo.

 

Ventisette anni, ostetrica, un temperamento vivace e solare: Sara Andreatta opera come ostetrica in libera professione dal 2015 ed ha aperto il suo centro a Trento Sud, in via Marighetto, offrendo anzitutto una rete di professionisti tra psicologi e fisioterapisti ma soprattutto tanti corsi. E il passaparola tra le sue assistite, in questi due anni di attività, ha funzionato eccome.

 

I requisiti indispensabili per questo lavoro? "Bisogna avere tanta fantasia, voglia di fare, essere disponibili e avere il sorriso sulle labbra anche nelle giornate no", spiega Sara ridendo. E la disponibilità, emotiva ma anche pratica, non può che essere un punto di forza di questa giovane professionista, reperibile, al contrario dei classici consultori, anche durante i fine settimana o la sera per qualsiasi domanda. Consultori che capita non accettino mamme al secondo figlio, ed è anche qui che entrano in gioco i liberi professionisti.

 

Se Sara propone corsi pre-parto anche a domicilio per chi ha poco tempo o fa fatica ad organizzarsi, un buono spirito pratico deve pure avercelo, e lo ha dimostrato con una proposta speciale per le neomamme, o meglio, un'idea regalo utile e particolare. "Invece delle solite tutine, ciucci o orsacchiotti – prosegue Sara – ho pensato ad un buono per uno o più incontri o visite domiciliari, nel quale spiego ai neogenitori come rapportarsi ad allattamento, ritmi sonno-veglia del neonato, pianto, massaggio neonatale, cambio pannolino e primo bagnetto. Do la mia piena disponibilità anche la sera o nel fine settimana".

 

Tanta maieutica, evidentemente nella pratica ma anche nella teoria: Sara punta a tirare fuori dai suoi allievi, mamme e papà, le conoscenze innate invitandoli a ragionare, piuttosto che impartire la classica lezioncina su come nascono i bambini.

 

Le attività a cui si dedica questa giovane ostetrica vanno dai classici corsi pre-parto a quelli in acqua per neonati, donne in gravidanza o coppie. "I miei corsi si rivolgono a piccoli gruppi di persone, solitamente quattro o cinque. Non ho un limite minimo di adesioni, sono sufficienti due iscritte per far partire il corso. Interessanti sono quelli rivolti alle coppie, mamme e papà che si apprestano a diventare genitori: mentre le donne si concentrano spesso sul momento del parto, i papà sono pieni di domande su quello che succede dopo". La sua offerta comprende anche corsi di rieducazione del pavimento pelvico, utili per problematiche inerenti all'incontinenza o alla sessualità, o assistenza a domicilio al momento del travaglio e accompagnamento in ospedale, per affrontare il momento del parto in serenità.

 

"Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita", scrive Sara sul suo profilo Facebook, e siamo certi che per la giovane, 'zia' affettuosa di tanti bimbi, sia effettivamente così.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 16:36

Sono stati analizzati 4.194 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 26 nuovi ricoveri e 16 dimissioni, 170 le guarigioni da Covid. Registrati 32 casi tra over 70 e 73 contagi tra bambini e ragazzi in età scolare

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

06 marzo - 15:23

Gli agenti hanno perquisito il nascondiglio ricavato nell’area giochi di piazza Dante. All’interno sono state rinvenute alcune dosi di hashish ed una di eroina, prontamente sequestrate anche quest’ultime

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato