Contenuto sponsorizzato

"Fuori dall'invisibilità", le donne Lgbt si incontrano a Bolzano

La coordinatrice Francesca Delise: “La solitudine il disagio maggiore, soprattutto nelle valli”. Tra le iniziative in programma la partecipazione al Dolomiti Pride

Pubblicato il - 17 marzo 2018 - 16:19

BOLZANO. Una “comfort zone”, uno spazio di condivisione e aggregazione, perché, come spesso viene a ragione accentuato, le donne omosessuali sono un gruppo discriminato all’interno di un gruppo discriminato. Per questo è nato a Bolzano “Donne Lgbt Alto Adige - Südtirol”.

 

A coordinare l'iniziativa è Francesca Delise, già membro di Arcigay Trento. “C’è un disagio innegabile legato molto spesso alla solitudine di chi abita in comunità ristrette e riesce a trovare sollievo durante i nostri incontri a Bolzano, perciò è essenziale che il gruppo acquisisca visibilità".

 

Fra gli argomenti affrontati finora la “gestazione per altri” (GPA), mentre il prossimo meeting sarà incentrato sulle sex worker. “Oltre a questo è previsto un momento in cui chi vuole può raccontare di sé, se invece si ha bisogno di un confronto ‘privato’, offriamo anche colloqui individuali”, afferma la coordinatrice del gruppo.

 

E poi naturalmente ci si prepara per l’appuntamento dell’anno: il Pride di Trento il prossimo 9 giugno. Ma non è tutto. Qui l'articolo completo di Salto.bz.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 18:04

Il totale resta quindi a 5.495 casi e 470 vittime da inizio epidemia. Analizzati 142 tamponi. Sono 4.988 i guariti da Covid-19. Nessun decesso e nessun contagiato anche in Alto Adige

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato