Contenuto sponsorizzato

La storia abbraccia il futuro, il marchio Tua Ski 'rinasce' in Trentino e strizza l'occhio al mercato canadese e giapponese

Nato nel 1914 il marchio di successo era caduto in disgrazia all'inizio degli anni duemila. Dopo tre anni di lavorazione arriva la scommessa targata Marco Micheli con la collaborazione di Marta Pettenuzzo: "Sci altamente performante che fa del legno, un materiale nobile e vivo, il suo cuore pulsante"

Di Luca Andreazza - 02 gennaio 2018 - 20:16

TRENTO. Il rilancio del marchio Tua Ski riparte da Milano per l'idea di due trentini. Una scommessa targata Marco Micheli con la collaborazione di Marta Pettenuzzo per un'offerta che cerca di unire il meglio della proposta tricolore, cioè artigianato, qualità e estetica, il tutto condito dal fascino del 'Made in Italy'. 

 

Nata nel 1914 come falegnameria - è stato il caso di quasi tutti i produttori di sci d'antan - appartenuta sempre alla stessa famiglia, i Tua appunto, la Vittor Tua ha conosciuto momenti di grande successo e altri di crisi fino al fallimento nel 1999, quindi la ripartenza e le alterne vicende tra cambi di proprietà negli ultimi anni.

 

Sparito dalla circolazione, ora il marchio riparte in questa nuova veste. E dopo tre anni di preparazione, in questi giorni è partita la prima fase del progetto, un crowdfunding per riportare sul mercato gli sci griffati Tua (Qui link).

 

"In questo triennio - spiega Micheli - abbiamo costituito la società per rilevare il marchio, analizzato il mercato, studiato l'industria dello sci e effettuato i diversi test di prodotto". 

 

Le menti del rilancio sono, come anticipato, Marco Micheli di Canal San Bovo, esperto e consulente nel campo del marketing con esperienze anche a Boston e Londra, e Marta Pettenuzzo di Trento, pubblicitaria in un'agenzia internazionale.

 

Un'avventura che unisce passione, esperienze e la ricerca di qualcosa di nuovo. Storia e tradizione che sbarcano nel futuro per sci davvero pezzi unici.

E i primi riscontri? "Sono buoni - ammette Micheli - i mercati di riferimento sono quello canadese, asiatico, giapponese e francese. Tua ha ancora un'appeal importante, soprattutto in quei Paesi particolarmente attenti a qualità, tecnologia e artigianalità legati al prodotto italiano".

 

"Questa stagione - prosegue il titolare - proponiamo una collezione composta da tre linee, cioè il modello race carve, quello all mountain e il free ride. I nostri sci sono fatti interamente a mano in Italia, quindi pezzi unici, ma abbiamo cercato di utilizzare materiali innovativi e di altissimo livello, come legno, carbonio e titanal".

 

Il risultato? "Sci altamente performante - dice Micheli - che fa del legno, un materiale nobile e vivo, il suo cuore pulsante: migliore flessibilità e rigidità torsionale, leggerezza, performance in curva, sia in pista che fuori pista. Tutto però senza perdere la filosofia del brand: qualità, prestazione e stile italiano. Tua si ripresenta al mercato per offrire ai propri clienti la possibilità di personalizzare la grafica degli sci e aggiungere anche il proprio nome".

 

La campagna di lancio terminerà il prossimo 16 gennaio, poi via alla seconda fase della nuova vita di Tua Ski: "Un negozio online - conclude Micheli - interamente dedicato al marchio e ancora maggiori opportunità di personalizzazione e ampliare la gamma di sci, oltre alla creazione della collezione in vista della nuova stagione invernale 2019/2020".

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 21.00 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 19:26

Presentata il 10 settembre, a legislatura finita, la proposta decadrà automaticamente il 21 ottobre ma potrebbe bastare a far felice il mondo della caccia in chiave elettorale

18 settembre - 20:06

E' successo sopra il Lago di Cei. L'oggetto è stato spinto molto in alto, forse per riprendere il lago,tanto da essere stato avvistato dagli elicotteristi che lo hanno evitato ma hanno segnalato l'accaduto

18 settembre - 11:55

Il ruolo della presidente del Consiglio è ambito da molti e soprattutto, spiegano alcuni consiglieri, dal Patt. Non vi è alcuna normativa, però, che possa obbligare Coppola ad un passo indietro. "Se arrivano a chiedermi questo per sistemare i problemi in maggioranza è meglio che andiamo tutti a casa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato