Contenuto sponsorizzato

Olimpiadi 2026, l'Italia schiera il tridente Cortina-Milano-Torino, ma c'è anche Predazzo. Saltano Bolzano e Piné

L'Alto Adige invece è già fuori dai giochi. Ieri il Coni ha incassato il via libera alla candidatura congiunta Cortina-Milano-Torino del Cio, ma nei prossimi mesi il Comitato nazionale è costretto a limare le divergenze per arrivare compatti 

Di Luca Andreazza - 01 August 2018 - 19:53

TRENTO. L'Italia schiera il tridente. Ora è ufficiale, il Coni candida Cortina, Milano e Torino "per un progetto innovativo per garantire un equilibrio tra le rispettive competenze territoriali mediante il rafforzamento della coesione e del rispetto tra le aree individuate per lo svolgimento dei Giochi e l’individuazione di soluzioni che diano le maggiori possibilità di successo della candidatura per l’Italia intera".

 

Questa decisione, unanime, cambia in parte le carte in tavola alle nostre latitudini: l'Alto Adige è già fuori dai giochi, mentre il sogno di mezza estate prosegue per Predazzo e la Valle di Fiemme, cade invece Pinè.

Le location sono ora chiamate a redigere un dossier per la selezione a livello Cio e gli sci passano ai piedi del Comitato internazionale per la decisione finale prevista a settembre 2019 nella sessione di Milano.

 

Oltre alla candidatura tricolore, in competizione anche Calgary (Canada), Erzurum (Turchia), Sapporo (Giappone) e Stoccolma (Svezia). Nel frattempo, dopo le manifestazioni d'interesse, Graz (Austria) e Sion (Svizzera) si sono sfilate dalla corsa ai cinque cerchi.

 

Ieri il Coni ha incassato il via libera alla candidatura congiunta Cortina-Milano-Torino del Cio, ma nei prossimi mesi il Comitato nazionale è costretto a limare le divergenze. Il tridente sembra aver provocato qualche malumore.

 

Sulla carta sono tutte a disposizione, ma non mancano frecciate sulla forte ingerenza politica per arrivare alla non-decisione di scegliere tra i tre dossier. Se Torino non vuole giocare il ruolo di stampella, anche Milano si è mostrata perplessa: l'intenzione sembrerebbe quella di mettere sul piatto campi gara e impianti, senza voler partecipare alla governance. Una sfida anche per giocare un ruolo di primo piano o capofila.

 

Il Coni e Giovanni Malagò prendono tempo. I conti si fanno alla fine, prima è necessario aggiudicarsi i giochi, solo poi si può pensare alla governance e nel frattempo si può lavorare a ricucire le posizioni tra le candidate vincitrici per quella che rimane una candidatura forte e molto sperimentale. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 March - 12:30

Numeri in leggero calo in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si registrano 230 nuovi positivi e 4 decessi. Preoccupa intanto la variante sudafricana, con l'individuazione di 15 casi nella serata di giovedì 4 marzo

05 March - 12:51

Dai 2.626 metri del rifugio Pian dei Fiacconi sulla Marmolada, ai 1.792 del rifugio Caldenave, nel Lagorai. E’ questo ciò che aspetta Guido Trevisan, gestore per oltre 20 anni del Pian dei Fiacconi, tristemente distrutto lo scorso 14 dicembre dopo essere stato travolto da una valanga

05 March - 09:34

L’uscita è prevista per il prossimo 26 maggio, sulla piattaforma Netflix. Essendo Baggio originario di Vicenza la decisione di girare il film in Trentino aveva creato molta discussione 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato