Contenuto sponsorizzato

Pergine ha scelto la dicitura ''responsabile'' sul libretto degli studenti, Rossi (e la Lega) chiedono si torni a ''genitore''

In realtà dietro alla scelta dell'Istituto comprensivo "Due" ci sono delle ragioni tecniche. Dal 2014, infatti, è entrato in vigore il concetto di ''responsabilità genitoriale'' e la dirigente ha aggiornato la terminologia ma per la Provincia è bene tornare indietro

Di Luca Pianesi - 05 aprile 2018 - 18:00

TRENTO. L'Istituto Pergine Due dovrà fare un passo indietro. Va bene l'autonomia scolastica e quindi la libertà, per un dirigente, di compiere delle scelte in merito all'organizzazione interna della scuola, ma i genitori restano genitori e l'idea di introdurre nel libretto degli studenti le diciture "responsabile uno e responsabile due" non è piaciuta all'Ugo Rossi assessore all'istruzione, come non è piaciuta alla Lega e a Borga.

 

Negli scorsi giorni le interrogazioni di Maurizio Fugatti e il question time dell'esponente di Civica Trentina hanno visto arrivare la seguente risposta del presidente della Provincia (che da quando è cambiato il vento ed ha vinto il centrodestra si sta appiattendo sempre più sulle posizioni del carroccio nel silenzio assordante del Pd e dei rappresentanti del centrosinistra): "Si condivide la valutazione degli interroganti in merito all'adeguatezza dell'espressione il genitore o chi ne fa le veci. L'amministrazione provinciale darà pertanto indicazioni all'istituzione scolastica interessata".

 

In realtà a livello tecnico ha ragione la dirigente scolastica di Pergine Due e qui non ci sono "minacce gender" o altre questioni etiche che tengano. Il concetto di "genitore o chi ne fa le veci" è stato, infatti, superato dal decreto legislativo 28 dicembre 2013 n. 154, entrato in vigore il 7 febbraio 2014 che prevede il concetto di "responsabilità genitoriale" scalzando quello della "potestà genitoriale" superando le accezioni di padre e madre e introducendo quella di responsabili genitoriali, come tra l'altro è già in uso in ambito europeo. Una categoria che va a comprendere chiunque eserciti questo tipo di "responsabilità" compresi i genitori delle unioni civili e quelli che "nascono" dopo divorzi e nuovi matrimoni.

 

Insomma è quel che si dice un classico passo in avanti. Un adeguamento tecnico alle norme. Non ci sono, in questo caso, questioni etico-politiche da difendere ma un semplice stare al passo con i tempi (anche perché ai duri e puri della famiglia anche la dizione "genitore" non piace perché preferirebbero "mamma e papà" in questo caso sì andando a penalizzare oltre alle unioni civili tutte quei bambini i cui genitori, per un motivo o per l'altro, si sono lasciati, divorziati o dopo un lutto si sono rifatti una vita). A livello politico c'è l'ennesimo ok dato dal presidente alla linea tracciata dalla Lega. A livello sociale c'è semplicemente un passo indietro fatto fare a chi era un passo avanti.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 19:55

Una sorta di sconto che lo Stato italiano fornisce a chi decide di soggiornare presso una struttura ricettiva italiana. Tra i trentini che hanno colto l'occasione anche Stefano Grassi: "In poco tempo arriva un codice che si dovrà poi mostrare all'albergatore per ottenere lo sconto"

04 luglio - 19:47

Il candidato sindaco è pronto a guastare la festa sia “alla coalizione arcobaleno” che alla “disaggregazione di destra”. Carli vuole plasmare una Trento sul modello delle grandi metropoli europee: “C’è bisogno di una leadership forte ed inclusiva, il Centrosinistra ha tenuto ferma la città per una generazione ora è tempo di riprendere in mano tutti i progetti rimasti incompiuti”

04 luglio - 13:26

Gli animalisti insorgono contro l’ordinanza di abbattimento: “JJ4 potrebbe essere accompagnata dai suoi cuccioli, Fugatti deponga subito i fucili, non accetteremo l’uccisione di un’altra orsa senza che siano state accertate le cause che hanno determinato lo scontro con le persone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato