Contenuto sponsorizzato

Sentiero della Ponale, lavori ok. Sabato si riapre ma sarà solo un primo ''assaggio'' di due settimane

Chiusi i cantieri del primo lotto che hanno messo in sicurezza la parte da Riva al Bar Ponale. Dal 9 al 21 aprile però ci sarà una nuova chiusura per completare gli interventi del secondo lotto. E' nata "Mondo Ponale", la nuova associazione ed ente gestore fondata da Garda Trentino spa, Comitato Giacomo Cis e Consorzio Turistico Valle di Ledro

Foto del sentiero (Facebook Sentiero Ponale crd Unione Bikers Trentini)
Pubblicato il - 19 marzo 2018 - 18:28

RIVA DEL GARDA. Ci siamo: sabato 24 marzo verrà riaperto il sentiero della Ponale sopra Riva del Garda. Quella che è considerata una delle più belle passeggiate d'Europa che guarda il Lago di Garda tra splendidi paesaggi naturali, gallerie suggestive e sbalzi mozzafiato, torna percorribile dopo i lavori di messa in sicurezza da tempo richiesti e finalmente eseguiti, almeno in parte. Già perché il progetto complessivo si concluderà solo nel marzo del 2019 e anche dal 9 al 21 aprile il percorso verrà richiuso per completare il secondo lotto dell'opera (quello che riguarda le barriere del tratto che dal bar Ponale arriva alle gallerie).

 

Al momento, quindi, si può dire davvero concluso il primo lotto, quello che riguarda la messa in sicurezza da Riva del Garda al bar della Ponale ma per il 21 aprile anche il secondo sarà sistemato. E proprio per parlare dello stato dei lavori si sono riuniti, questa mattina, il presidente della Comunità Alto Garda e Ledro Mauro Malfer, il presidente di «Garda Trentino spa» Marco Benedetti, l’assessore provinciale alla protezione civile Tiziano Mellarini, il sindaco di Drena e presidente della conferenza dei sindaci dell’Alto Garda e Ledro Tarcisio Michelotti, altri assessori, figure tecniche e il presidente del comitato Giacomo Cis Donato Riccadonna

 

 

 

E proprio Riccadonna dalle pagine de il Dolomiti ribadiva la necessità di mettere in sicurezza questa importantissima attrazione turistica che, però, "dal 1995 non ha mai visto una vera manutenzione - spiegava - e ha le reti paramassi più giovani che hanno 40 anni. Insomma qualcosa si potrebbe davvero fare". E si doveva fare, visti anche i tanti incidenti molto gravi capitati a visitatori e passanti per colpa di distacchi di massi e cadute. Ora, finalmente, il sentiero dovrebbe essere molto più sicuro almeno per quanto riguarda il rischio preveniente dai versanti sovrastanti il sentiero. Poi a partire dall'autunno verranno aperti e chiusi dei micro-cantieri che permetteranno di sistemare anche le volte delle gallerie. E ci sarà anche la realizzazione, fatta dal servizio per il sostegno occupazione e valorizzazione ambientale (Sova) della Pat, della sistemazione del sentiero con la posa della nuova segnaletica, dei sottoservizi e dei parapetti idonei alle caratteristiche di "Sentiero alpino percorribile anche da Mountain Bike".  

 

L’importo complessivo degli interventi che si concluderanno a marzo 2019 è di 1.382.675 euro più 93.862,92 di somme a disposizione per un totale di 1.476.537,96 euro così suddivisi: 200.000 euro di Garda Trentino S.p.a; 428.862,96 euro della Comunità Alto Garda e Ledro - Fondo Strategico 2^ Classe di Azioni) oggetto di Accordo di Programma 2017; 300.000,00 euro del Servizio Sostegno Occupazione e Valorizzazione Ambientale della Provincia Autonoma di Trento più 100.000 euro della Comunità Alto Garda e Ledro; 297.675 del Comune di Ledro più altri 150.000 euro di finanziamento da parte della Comunità attingendo ai Canoni Ambientali.

 

 

E' stata costituita, inoltre, "Mondo Ponale", la nuova associazione ed ente gestore fondata da Garda Trentino spa, Comitato Giacomo Cis e Consorzio Turistico Valle di Ledro: "La nuova associazione - ha sottolineato Marco Bendetti, che è anche presidente del nuovo sodalizio - sarà a breve riconosciuta dalla Provincia. L’associazione ha già iniziato le prime analisi per il futuro. Stiamo inoltre lavorando a una valorizzazione del sentiero che arriva alla Casa della Trota". 

 

"La soddisfazione è alle stelle - ha sottolineato il presidente del Comitato Giacomo Cis Donato Riccadonna - da innamorati, ovviamente, abbiamo dovuto rinunciare ad alcune cose. Noi abbiamo cercato in tutte le maniere di far presente l’anima e il cuore della Ponale. La Ponale, infatti, è un mondo a parte, a sé stante, strategico in vari periodi storici. Occorre puntare molto anche sui locali, non solo sul turismo". "Quasi due secoli fa, alcuni amministratori visionari decisero di togliere la Val di Ledro dall’isolamento - ha commentato l’assessore del Comune di Ledro Sartori -. Oggi come allora la Comunità Alto Garda e Ledro ha visto nella Ponale un’opera di interesse sovralocale e sovranazionale".

 

"Sottolineiamo la grande collaborazione fra gli enti - ha affermato l’assessore del Comune di Riva del Garda Alessio Zanoni -. Il nuovo comitato gestore rappresenta una storia che deve continuare. La Ponale è un mondo, che non può essere equiparato né a un sentiero né a una ciclabile, è un qualcosa che va soprattutto protetto più che promosso". 

 

L'apertura del "Sistema Ponale - sentiero alpino percorribile anche da mountain bike" è fissata per le 10 di sabato 24 marzo. La prossima chiusura è prevista dal 9 aprile al 21 dello stesso mese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato