Contenuto sponsorizzato

Solidarietà migrante, i richiedenti asilo trentini nel ghetto di Rosarno per allestire una scuola tra le baracche dei braccianti

Nella Calabria del lavoro nero e dello sfruttamento tre associazioni, con l'aiuto dei profughi ospitati a Rovereto, stanno allestendo una struttura che servirà per le lezioni di italiano a stranieri, per punto medico e ufficio legale

Pubblicato il - 28 marzo 2018 - 21:26

ROSARNO. Il Collettivo Mamadou di Bolzano la realtà di Rosarno la conosceva da tempo, il ghetto e le tendopoli, le baracche di immigrati, i braccianti sfruttati per pochi euro al giorno. Da anni lavora nelle zone più povere del Paese dove l'immigrazione è sfruttata dal lavoro nero e abbandonata dai servizi e dall'accoglienza 'ufficiale'.

 

"Andavamo a Rosarno per tenere corsi di italiano agli stranieri - racconta Matteo De Checchi - lì abbiamo trovato una situazione al limite del dramma. Abbiamo pensato a cosa fare, anche per rendere più accogliente il momento delle lezioni". E l'idea è venuta grazie all'incontro con l'associazione Brave New Alps e soprattutto con un gruppo di architetti che si occupa di tematiche sociali, quelli di Area527.

 

"Abbiamo costruito la prima architettura migrante e meticcia - spiega - una struttura che si chiama Hospital(ity) School. Servirà per la scuola - spiega - capace di contenere una classe di 40 persone. Poi sarà il punto sanitario per i Medici per i Diritti Umani e per Emergency, ma anche il riferimento per i diritti grazie alla collaborazione con la Cgil che utilizzerà la struttura per la consulenza legale".

 

Una struttura costruita e ideata in Trentino. "La costruzione vera e propria è stata fatta all'interno della Meccatronica, a Rovereto. Il grosso del lavoro, tra ottobre e gennaio, è stato realizzato dai richiedenti asilo ospitati in Trentino".

 

Richiedenti asilo che ora sono a Rosarno, assieme ai volontari delle associazioni, per il montaggio. "Tutto bene - assicura Fabio - qualche problema tecnico con le fondamenta da sistemare ma nel complesso tutto procede. Il morale della truppa è alto", dice sorridendo.

 

Staranno a Rosarno sette giorni, lunedì mattina ritorneranno a Rovereto. "Lavoriamo sotto lo sguardo di carabinieri e polizia che da lontano ci osservano curiosi. A pochi passi da noi inizia la distesa della baraccopoli, duemila persone che vivono nelle tende".

 

I soldi per la realizzazione della struttura sono arrivati dall'autofinanziamento. "A maggio è partito il crowdfunding - spiega Matteo - e per la realizzazione abbiamo speso poco più di 10 mila euro. Il trasporto, che costa quasi 2 mila euro, l'ha finanziato la cooperativa Sos Rosarno, una delle poche che assume i braccianti in regola di tutta la zona". 

 

Questa struttura diventa quasi un simbolo, una delle prime opere dedicate all'accoglienza, che va oltre alla baracca. Un luogo per l'istruzione, la salute, i diritti. Un lavoro collettivo che ha impegnato anche i richiedenti asilo. "Qui la situazione è grave - spiega Matteo - è un buco infernale".

 

A Rosarno, come in tutta la piana di Gioia Tauro, le condizioni dei braccianti sono al limite. "Qui si coltivano il 90% degli agrumi di tutta Italia - osserva Matteo - ma le condizioni del lavoro sono disastrose. Si lavora in nero, si è fortunati se si viene pagati qualche euro. Ci sono africani, tanti, ma anche italiani e bulgari".

 

C'è lo sfruttamento del lavoro, c'è la 'Ndrangheta. "Ci si deve scontrare non soltanto con la mancata accoglienza, con l'assenza di intervento sociale, ma si devono fare i conto anche con la criminalità organizzata, con tutti coloro che utilizzano il lavoro a basso costo".

 

L'inaugurazione di Hospital(ity) School avverrà non a caso il Primo Maggio, nel giorno in cui si celebra il lavoro, contro lo sfruttamento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 19:21

Attacco a 360 gradi sulle scelte operate dalla giunta: dall’aumento delle tasse al bonus per la natalità che andrebbe ripensato, nel mirino anche “La riforma scolastica improvvisata” e l’eliminazione dal bilancio dei fondi per la cooperazione internazionale: “Un clamoroso autogol per il Trentino”

20 luglio - 15:42

Il leader del M5S lancia un messaggio distensivo all'alleato di Governo. Oggi Di Maio ha preso parte all'assemblea degli iscritti che si è tenuta a Trento al Centro Santa Chiara 

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato