Contenuto sponsorizzato

Lezioni di italiano per i richiedenti asilo, in 20 giorni raccolti 13 mila euro per 650 ore. Civico: ''La società civile deve resistere''

Un mondo dell'associazionismo e delle cooperative che cerca di muoversi in sincronia dopo i tagli al sistema di accoglienza impartiti da Maurizio Fugatti. Civico: "Una risposta importante della società che si mette in gioco, resiste, esiste e non accetta passivamente le decisioni del nuovo governo provinciale"

Di Luca Andreazza - 12 gennaio 2019 - 19:02

TRENTO. "Una piccola e significativa azione fatta con stile perché non è urlata e non attacca una linea politica legittima ma che crediamo fortemente sbagliata", queste le parole di Mattia Civico, ex consigliere provinciale del Partito democratico e presidente dell'Associazione Demo, nel presentare il risultato della campagna di raccolta fondi nella campagna #primalitaliano, cioè ore di lezione di italiano per stranieri.

 

"Un bilancio oltre le aspettative - commenta il numero uno di Demo - siamo riusciti a mettere insieme circa 13 mila euro, cioè 650 ore di italiano. Una risposta importante della società civile che si mette in gioco, resiste, esiste e non accetta passivamente le decisioni del nuovo governo provinciale. L'umanità non è una linea politica, ma un sentimento trasversale. L'Iban resterà aperto ancora un mese. Un ringraziamento a quelle persone che ci sostengono e hanno messo a disposizione la propria fatica, i soldi guadagnati, anche con sacrifici". 

 

Il concetto è semplice. L'integrazione passa, anche e soprattutto, attraverso la conoscenza della lingua dei richiedenti asilo. La necessità è quella di rivedere la comunicazione per controbattere alla narrazione della Lega del deus ex machina Matteo Salvini.

 

"Siamo i primi a non voler degrado e spaccio - continua Civico - ma la soluzione non è depotenziare i servizi. Non ci possiamo sostituire all'ente pubblico, ma dobbiamo inviare segnali. La sensazione, forse non ancora totalmente percepita, è quella di essere tornati all'epoca antecedente la legge 35, quella che disciplina degli interventi per prevenire e rimuovere gli stati di emarginazione. La società civile deve cambiare passo e fare rete per cambiare la situazione e fare l'essenziale".

 

Un mondo dell'associazionismo e delle cooperative che cerca di muoversi in sincronia dopo i tagli al sistema di accoglienza impartiti da Maurizio Fugatti. Un calendario però è già scandito per arrivare alla chiusura definitiva di questa esperienza nel 2020 (Qui articolo).

 

"Non è solo una questione relativa ai posti di lavoro - prosegue Civico - un mancato riconoscimento ai circa 150 professionisti che perdono tutto dopo percorsi a base di passione, formazione e perfezionamento. Parole e pensieri si incrociano, come la voglia di non aver paura e chiudersi per vivere una comunità aperta e curiosa che vuole capire, capirsi e capici. Una società che si basa sul rispetto. Queste ore di italiano rappresentano anche quelle persone che non si sentono coinvolte nelle decisioni della politica. Ora la sfida ulteriore è trovare i spazi per portare avanti questa avventura".

 

La raccolta fondi, come anticipato, resta attiva ancora un mese, mentre il testimone passa al Centro Astalli, il compito è quello di coordinare questa nuova esperienza. "E' un periodo storico difficile - dice Stefano Graiff - che non si è riusciti a interpretare in anticipo: un tentativo di dividere la società in classi, reso possibile dal sonno della memoria di quanto Europa, Italia e Trentino hanno già sofferto. Questo non è solo un gesto concreto, ma un segnale forte" (Qui articolo).

 

Tra i sostenitori di questo progetto anche la Cgil del Trentino. "Siamo in fase di predisposizione di uno studio per capire gli effetti del taglio dei servizi di accoglienza e integrazione. In questo contesto fluido - chiude Franco Ianeselli - dove il Trentino ha perso la sua forma autonomistica e la Lega risponde ai comandi del suo capitano, abbiamo un Alto Adige che invece continua in questa esperienza nel fornire i servizi. Un messaggio che può spiazzare anche i trentini. Culturalmente è necessario far emergere l'importanza di ristabilire il senso di comunità".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, sabato sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato