Contenuto sponsorizzato

Sulle Pale di San Martino si è sfiorato il nuovo record italiano di temperatura più bassa di sempre

Alla Busa del Miel sono stati raggiunti i -49,4 gradi, a soli 0,2 gradi dal record precedente registrato sempre sulle Pale. A giugno la temperatura è scesa fino a- 6,3 gradi

Pubblicato il - 23 giugno 2018 - 11:24

TRENTO. Un San Valentino gelato sulle Pale di San Martino. Il 14 febbraio scorso si è sfiorato il record italiano di temperatura minima. Alla Busa del Miel a quota 2.614 metri le strumentazioni hanno raggiunto i -49,4 gradi, un valore superiore di 0,2 gradi alla minima stabilita nel sito freddo di Busa Fradusta, sempre sulle Pale di San Martino.

 

Un monitoraggio della Busa del Miel targato Meteo Triveneto e Meteotrentino in collaborazione con Ncr/Isac e il Parco naturale Paneveggio e Pale di San Martino.

 

I dati registrati mostrano la particolare morfologia della Busa del Miel rispetto a Sella di Manna. Le altitudini sono praticamente identiche, ma la prima località è una depressione e questo consente all'aria fredda di accumularsi sul fondo della conca per cedere calore verso la libera atmosfera.

 

Questo abbatte la temperatura fino a -49,4 gradi rispetto a Sella di Manna che si attesa a 25 gradi in più.

Cielo sereno, scarsa umidità, poco vento e terreno innevato: questi gli elementi favorevoli a ottenere questa eccezionale inversione termica. Precisi anche i vari momenti dell’andamento termico, dopo il tramonto la temperatura inizia a calare e da -15 gradi si porta a -44 gradi alle 20.

 

"Molto interessante - spiega Giampaolo Rizzonelli, responsabile per Meteo Triveneto del Progetto monitoraggio dei siti freddi - anche l’aumento di temperatura rilevato dopo la mezzanotte, il vento è entrato nel sito di Busa del Miel ed ha scalzato e rimescolato l’aria fredda presente sul fondo, riportandola a valori identici a quelli di Sella di Manna, con un aumento di ben 19 gradi in soli 15 minuti".

 

Il monitoraggio della località avviene dal 2008 e "le potenzialità - prosegue il responsabile - morfologiche della Busa del Miel sono tra le migliori per 'sky view factor' (porzione di cielo visibile): il sito infatti riesce a cedere calore verso la libera atmosfera per l'assenza nelle vicinanze di cime molto elevate, che potrebbero ostacolare il raffreddamento dell'aria".

 

A questo si aggiunge che i piccoli rilievi intorno al sito fungono da recipiente per l'aria fredda, la quale si accumula sul fondo del sito, che a tutti gli effetti diventa un vero e proprio "catino di aria fredda".

 

"Il sito freddo di Busa del Miel a fine febbraio scorso - conclude Rizzonelli - è stato ricoperto dalla neve per oltre 6 metri, quindi i dati successivi all'1 marzo sono andati persi. Le potenzialità di “produrre aria fredda” di questi siti sono dimostrate dai dati rilevati in questo mese di giugno. Per rendere l’idea la minima rilevata a Sella di Manna la mattina del 16 giugno è stata di +0,9 gradi mentre nella vicina Busa di Manna si è scesi fino a -6,3°C".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato