Contenuto sponsorizzato

Chiusura anticipata alla Scaletta, Udu e UNITiN: ''La città si chiude agli universitari''

Da Luca Bocchio di UNITiN l'auspicio di un incontro con l'assessore comunale Roberto Stanchina. Per Sofia Giunta di Udu l'ordinanza del Comune è "l'ennesima toppa che viene messa sul problema del rapporto tra gli universitari ma non solo e la cittadinanza"

Pubblicato il - 11 gennaio 2019 - 15:06

TRENTO. “E' l'unico luogo che tiene aperto fino ad una certa ora sia d'estate che d'inverno e dove i giovani si possono incontrare alla sera per conoscersi e bere qualcosa assieme. Il Comune prima di prendere una decisione, pur legittima, avrebbe potuto avviare un dialogo”. Non mancano le critiche da parte degli studenti universitari dopo la decisione del sindaco di Trento Alessandro Andreatta di ordinare la chiusura della Scaletta alle 22.30 con lo sgombero del locale non oltre le 23.

 

Una decisione che arriva, ha spiegato il Comune, in seguito a numerose segnalazioni dei residenti per una situazione venuta a crearsi “insostenibile”. La Scaletta è il principale luogo di incontro serale degli studenti universitari e non solo. L'unico sfogo di una città che, pur essendo universitaria, permette ben poco altro ai giovani negli orari serali.

 

“Siamo stupiti – ha spiegato Luca Bocchio coordinatore di UNITiN – della decisione che il comune ha preso. E' paradossale che si sia deciso di rispondere a una decina di segnalazioni arrivate dai resistenti e si faccia invece finta di non vedere come migliaia di studenti siano senza un luogo di aggregazione a Trento”

 

Un'ordinanza del genere è stata una vera e propria doccia fredda. “Ci saremmo aspettati – ha spiegato Bocchio - che l'amministrazione comunale prima di decidere un' ordinanza del genere, del tutto legittima, avviasse un dialogo con i giovani. Ma ci sorprende anche che l'organismo preposto a discutere di questi temi, la consulta comunale degli universitari, non sia stata minimamente interpellata. In città per gli studenti che dopo una giornata di studio ad una certa ora hanno voglia di rilassarsi e bere qualcosa in compagnia non ci sono altri posti. L'ordinanza di oggi rappresenta la città che si chiude agli universitari”.

 

Il problema di certo non è nuovo, per il coordinatore di UNITiN “Già oggi tanti giovani dopo essersi laureati fanno fatica a rimanere a Trento e anche chi nasce e cresce in questa città spesso decide di andarsene facendo perdere un'occasione di crescita a questo territorio”.

 

L'invito, quindi, è quello al dialogo. “I problemi si risolvono assieme – spiega Bocchio - ci piacerebbe che Stanchina ci invitasse ad un incontro. Noi siamo sempre disponibili al dialogo perché è l'unica strada per capire e risolvere”

 

Duro anche il commento della coordinatrice dell'Unione degli Universitari di Trento, Sofia Giunta. “Questa ordinanza – ha affermato – è l'ennesima toppa che viene messa sul problema del rapporto tra gli universitari ma non solo e la cittadinanza. Il problema va risolto con altri mezzi”. Per Giunta serve “maggiore vivibilità alla sera, più appuntamenti ed eventi. Trento è una città universitaria e deve fare i conti con questa realtà”. L'invito da parte di Udu è che si possa arrivare assieme alle istituzioni ad un ragionamento più “sistematico” con “soluzioni differenti” e di lungo periodo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato