Contenuto sponsorizzato

E' un Jova-show. In migliaia a Plan de Corones che non si sono fatti intimorire da freddo e pioggia. Jovanotti fa il pieno a oltre 2 mila metri

Un concerto che si è aperto con la stretta di mano nel backstage tra Lorenzo Cherubini e Reinhold Messner. "Ci siamo incontrati e mi sono spiegato con lui - ha spiegato il cantante - siamo gente che vuole fare festa non rovinate questo posto meraviglioso. Noi vogliamo amarlo ancora di più". Dopo le polemiche tra Jovanotti e il re degli ottomila tutto è andato per il meglio 

foto di Daniele Icaro - Trident Music
Di Davide Leveghi e Luca Andreazza - 24 agosto 2019 - 20:42

BRUNICO. In migliaia per ballare al ritmo di Jovanotti nella duplice veste di cantante dei suoi principali successi e dj per scaldare ulteriormente la folla. E' un'affluenza da capogiro quella a Plan de Corones per il "Jova beach party", un'invasione dei fan del cantante che non si sono fatti per nulla intimorire da pioggia, nebbia e freddo a quota 2.275 metri dell'area di Krnoplatz. E non poteva essere altrimenti: i biglietti erano già andati sold out da tempo. 

 

 

Un concerto che si è aperto con la stretta di mano nel backstage tra Lorenzo Cherubini e Reinhold Messner. "Ci siamo incontrati e mi sono spiegato con lui - ha spiegato il cantante - siamo gente che vuole fare festa non rovinate questo posto meraviglioso. Noi vogliamo amarlo ancora di più". Dopo le polemiche tra Jovanotti e il re degli ottomila tutto è andato per il meglio (Qui articolo). Dalla sicurezza alle varie misure, una prova riuscitissima per uno spettacolo anticipato rispetto all'orario previsto (e non sono mancate le lamentele sui social) proprio per fronteggiare la grande presenza di pubblico e il conseguente deflusso, ma anche per cercare di evitare eventuali criticità per un meteo che non si è rivelato facile. 

 

 

Le stime iniziali erano di 27 mila spettatori e se non sono stati raggiunti poco ci manca per assistere allo spettacolo di Jovanotti, che si è esibito nella maggior parte dei suoi più grandi successi dagli esordi fino ai tempi più attuali. Canzoni intervallate dal cantante alla consolle per far risuonare grandi successi internazionali e nazionale per uno spettacolo di oltre tre ore

 

Un Alto Adige che ha risposto presente e non ha tradito attese e aspettative. Tante le persone che fin dalle prime ore si sono assiepate ai piedi del parco per non perdersi nemmeno un istante. E quindi per affrontare i 10 gradi altoatesini non è restato che ballare.

 

Pioggia, nebbia e tantissima musica, il Jova Beach party fa il pieno

 

Un'iniziativa curata nei minimi dettagli già da mesi e messa a punto da Andrea Del Ferri, direttore della stazione di Plan de Corones, staff, volontari e circa 400 addetti alla sicurezza. Una macchina organizzativa naturalmente in stretto contatto con prefetto, questore, protezione civile, vigili del fuoco, oltre naturalmente a Provincia e Comune di Bolzano.

 

 

Fin dalle prime ore si è registrato un forte traffico sulle principali arterie di persone che hanno raggiunto Plan de Corones per il "Jova beach party", senza dimenticare bus navetta e treni speciali, località poi raggiungibile solo attraverso gli impianti di risalita da Perca, Riscone, San Vigilio di Marebbe e Valdaora, e sentieri sopra i 1.800 metri chiusi al pubblico per evitare qualunque problematica

 

 

Sicurezza in primis, ma anche rispetto per l'ambiente è stato tra i punti centrali di un evento che ha già girato mezza Italia e che si appresta a finire nel giro del prossimo mese. Anche l'aspetto rifiuto sembra essere andato nel migliore dei modi, tutto pulito. Fango a parte, gli spettatori e gli appassionati hanno lasciato tutto più o meno come è stato trovato

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

22 settembre - 17:08

Poche ore fa il lancio su Facebook ed è subito partito il tam-tam della rete. C'è mistero sulla trama: dovrebbe trattarsi di una serie drammatica e dai risvolti sovrannaturali. Head writer è Ezio Abbate sceneggiatore di Suburra la Serie 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato