Contenuto sponsorizzato

Olimpiadi Milano-Cortina, Torino vuole le Universiadi 2025 per rientrare nei ''Giochi'' del 2026. Il Trentino deve guardarsi le spalle?

I punti fermi sono Milano e Cortina, Trentino e Alto Adige hanno stanziato le prime risorse, nel dossier ci sono, ma sul sito ufficiale non compaiono. Potrebbe iniziare una partita a scacchi. Bazzanella: "Il ritorno del Piemonte non va sottovalutato"

Di Luca Andreazza - 17 agosto 2019 - 19:40

TRENTO. Non ci sono solo la crisi di governo e la posizione del Cio sulla legge delega dello sport a ipoteticamente mettere in dubbio le Olimpiadi Milano-Cortina 2026 (Qui articolo). Qualche dubbio potrebbe riguardare anche il nostro territorio, Trentino e Alto Adige potrebbero ritrovarsi a guardarsi le spalle dalle tentazioni di Torino.

 

Un ritorno alle tre punte Milano-Cortina-Torino che sembra difficile, ma che non si può nemmeno escludere a priori dopo le fasi convulse tra dossier, candidature e proposte nel lungo avvicinamento all'assegnazione dei giochi a cinque cerchi in Italia. Se la Svezia osserva più o meno distrattamente le vicende di casa nostra per capire quanto sia percorribile un eventuale ricorso e strappare le Olimpiadi, il Piemonte potrebbe aver avviato una partita a scacchi.

 

L'ex capitale d'Italia, reduce dalla kermesse olimpica del 2006, punta in modo deciso le Universiadi del 2025, quelle che si tengono appena dodici mesi prima delle Olimpiadi 2026. La città è pronta e le infrastrutture già ci sono: Torino potrebbe  magari giocare un ruolo più marginale nel nuovo panorama, ma il nome è certamente spendibile in ottica marketing e richiamo. I dossier ci sono, basterebbe solo un aggiornamento e qualche rispolverata ai campi gara inseriti nella documentazione. 

 

Anche perché i punti fermi sono Milano e Cortina, Trentino e Alto Adige hanno stanziato le prime risorse, nel dossier ci sono, ma sul sito ufficiale non compaiono e questo è un dato. Si segue giocoforza a ruota, territori che si sono messi a disposizione per completare una proposta olimpica "diffusa" e innovativa. 

 

La città sabauda nel frattempo si muove e si getta su un grande evento, che potrebbe aumentare le chance di rientrare nel progetto Milano-Cortina.  Nell'idea Universiadi si potrebbe nascondere qualcosa in più e la lettera di motivazione inviata al Cusi-Centro universitario sportivo e Fisu (la federazione internazionale) fa leva sugli argomenti della candidatura olimpica: l’esperienza del 2006, quella dell'Universiade 2007, gli impianti sportivi di prim'ordine e quindi la collaudata capacità organizzativa.

 

Le Universiadi invernali si tengono ogni due anni e rappresentano un evento da 3 mila atleti e un giro totale da oltre 4 mila persone tra sportivi, staff e delegazioni, una sessantina di Paesi partecipanti, undici sport e una settantina di discipline.

 

Una kermesse sbarcata anche in Trentino nel 2013: campi di gara e logistica spalmate tra Fiemme e FassaTrento e BondonePinè e Pergine. "La candidatura e il proposito di rientrare di Torino devono preoccupare - commenta Filippo Bazzanella, deus ex machina di quell'evento - ma nella giusta misura. La speranza è che il Trentino riesca a far valere le proprie ragioni, così come l'esperienza nei settori neve e ghiaccio. Gli standard qualitativi ci sono, ma è necessario non farsi sorprendere e cercare di blindare in modo definitivo questa opportunità". 

 

Nel 2013 il comitato organizzatore delle Universiadi riuscì perfino a restituire alle casse pubbliche circa 900 mila euro di risorse non spese e da quell'esperienza Filippo Bazzanella ha inoltre scritto il libro: “Must have. Nice to have: how to establish big sport events on a human scale again”: pagine che raccontano come sia possibile organizzare un grande evento sportivo senza necessariamente spendere cifre non sostenibili.  Un libro nei fatti in grado di anticipare l'agenda 2020 del Cio e infatti l'edizione di Tokyo sarà economicamente più soft.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

22 settembre - 17:08

Poche ore fa il lancio su Facebook ed è subito partito il tam-tam della rete. C'è mistero sulla trama: dovrebbe trattarsi di una serie drammatica e dai risvolti sovrannaturali. Head writer è Ezio Abbate sceneggiatore di Suburra la Serie 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato