Contenuto sponsorizzato

''Restiamo umani'', l'attivista Mpaliza lancia una marcia nazionale. ''Scriveremo un manifesto contro questo clima di disumanizzazione''

Sono quattro i percorsi ai quali si lavora per toccare tutta l'Italia, da Nord a Sud, da Est a Ovest. L'intenzione è quella di marciare insieme e organizzare incontri in varie città per giovedì 20 giugno in occasione della giornata mondiale del rifugiato

Di Luca Andreazza - 24 aprile 2019 - 12:55

TRENTO. Una marcia per promuovere diritti umani e pace. Una camminata "Restiamo umani", questa l'idea lanciata da John Mpaliza, attivista di 50 anni, cittadino italiano di origine congolese (è arrivato in Italia nel 1993), ingegnere informatico è una figura molto conosciuta in tutta Europa come il "Peace Walking Man". John, infatti, da qualche anno gira l'Italia, e non solo, per far conoscere la situazione del paese in cui è nato e nel tempo ha organizzato grandi eventi e marce per la pace (due quelle già partite da Reggio Emilia e arrivate al Parlamento europeo e la più lunga fino ad Helsinki nel 2015) per scegliere poi Trento come casa.

 

L'intenzione è quella di marciare insieme e organizzare incontri in varie città per giovedì 20 giugno in occasione della giornata mondiale del rifugiato. Un punto di partenza è Trento, quello di arrivo Roma. Un'idea che prende forma nel febbraio scorso. Tra gli antefatti c'è un episodio di pregiudizio fondato sul colore della pelle con tanto di insulti razzisti pronunciati a margine dell'accaduto sul treno regionale 2261 e quanto siano importanti i percorsi di integrazione quali l'insegnamento della lingua italiana che purtroppo, da qualche tempo, anche in Trentino, sono stati eliminati con l'effetto di aumentare incomprensioni e quindi emarginazione e quindi insicurezza per tutti (Qui articolo).  

 

"Una marcia insieme a tanti cittadini - dice Mpaliza - ma anche una serie di incontri in varie città per ribadire che non siamo d'accordo con questo clima di disumanizzazione che questa cattiva politica ci sta imponendo con forza e con leggi anti-costituzionali. Siamo in tanti a pensarla in modo diverso. La speranza è che in questi momenti di confronto, idee e proposte per trovare percorsi e soluzioni".

 

Una marcia a staffetta tra varie città per riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone. "E' impossibile una copertura del 100% a causa degli impegni quotidiani e lavorativi - spiega l'attivista - ma proponiamo ai comitati locali di organizzare una camminata leggere e cittadina in concomitanza all'arrivo della marcia in città. Poi se qualcuno ha voglia e piacere di fare qualche chilometro in più è ovviamente il benvenuto. L'intenzione è quella di scrivere un manifesto per un possibile miglioramento della situazione".

 

Sono quattro i percorsi ai quali si lavora per toccare tutta l'Italia, da Nord a Sud, da Est a Ovest. E' previsto poi l'utilizzo di mezzi pubblici per riuscire a ottimizzare l'organizzazione. Il primo percorso parte da Trento per arrivare a Reggio Emilia dopo aver toccato Rovereto, Vicenza, Padova, Verona e Mantova, mentre il secondo parte da Torino e attraverso Ivrea e Milano, Piacenza e Parma si raggiunge Reggio Emilia.

 

La terza camminata parte da Reggio Emilia e il traguardo è quello di Monterotondo (tappe a Modena, Bologna, Firenze, Siena e Viterbo). Il quarto percorso va da Lampedusa a Roma tra Palermo, Reggio Calabria, Riace, San Ferdinando/Rosarno, Lamezia Terme, Salerno e Napoli.

 

"L'intenzione - aggiunge il peace walking man - è quella di chiudere le liste di partecipazione entro il 30 aprile e il 15 giugno. Ci si può iscrivere direttamente (marciarestiamoumani@gmail.com) oppure attraverso i comitati locali come L'Italia che R-Esiste, Associazione Karmadonne-Carmagnola, Carovane migranti, Cisv, Ufficio Missionario di Torino, Cava e Gav".

 

L'idea è molto articolata e si prevede anche di lanciare un crowdfunding per coprire i costi essenziale della parte globale dell'organizzazione della marcia. "E' doveroso e giusto - conclude Mpaliza - ricordare che sarà una marcia molto sobria a piedi. L'utilizzo dei fondi sarà definito e gestito da un comitato etico. Il ricavato sarà poi devoluto ad un progetto già attivo per sostenere le popolazioni di Mozambico e Malawi colpite il 4 marzo scorso dal ciclone Idai (Qui articolo)".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 maggio - 21:02

Il professore a Rovereto per il primo Cda che ha nominato Silvio Cattani alla vicepresidenza. L'annuncio: ''Dal 6 giugno la mia collezione a Caldes''. Poi: ''Riqualificazione? Ho già sentito Botta. E vorrei aprire la caffetteria entro ottobre. Lavoro, basta precari". Offerta di pace ad Alex Marini: ''Se lascia perdere le querele lo invito a cena''

22 maggio - 18:18

L'onorevole, tirata in ballo nel profilo Twitter da Ivan Cristoforetti, braccio destro dell'assessore Spinelli, replica: "Chi ricopre una carica istituzionale o chi lavora all’interno delle Istituzioni debba usare toni di decoro e rispetto verso quelle stesse Istituzioni, siano locali o statali, che sono garanzia di tutela dei cittadini"

22 maggio - 12:24

Laureata in Lingue e letterature straniere moderne e attualmente insegnante inglese al liceo linguistico e scientifico di Pozza di Fassa, già Procuradora del Comun general de Fascia, la candidata per il centrosinistra corre nel collegio della Valsugana per un posto alla Camera 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato