Contenuto sponsorizzato

Tra idranti ed elicotteri (GUARDA I VIDEO), ieri durante la ''tregua'', ecco come si ''pulivano'' gli alberi dalla neve, per evitare crolli e schianti

Ieri in Alto Adige, soprattutto in Val Pusteria fortemente provata dal maltempo ecco come sono intervenuti i pompieri e i tecnici per evitare che lungo le strade gli alberi rimanessero carichi di neve (viste poi le previsioni di oggi)

Pubblicato il - 15 novembre 2019 - 17:41

BOLZANO. Ecco come si interviene in Alto Adige per evitare crolli e pericolosi schianti vicino alle strade. La neve, che sta scendendo in maniera copiosa sopra il limite che oscilla tra i 500 e i 1200 metri di quota, infatti appesantisce gli alberi che poi si spezzano mettendo in pericolo persone, veicoli, abitazioni e la viabilità in generale.

 

Il fatto che, poi, in alcuni punti spesso alla neve si alterni la pioggia la rende ancora più pesante e impattante per la vegetazione. La situazione peggiore si sta avendo in Val Pusteria e allora nei momenti di ''tregua'' concessi dal maltempo ecco come intervengono i vigili del fuoco. Qui in azione i pompieri di Sesto Pusteria, ieri, il 14 novembre, durante quella che ha rappresentato l'unica ''finestra'' di bel tempo degli ultimi giorni. Un momento importante sapendo anche, dalle previsioni meteo, quel che sarebbe accaduto oggi (QUI LA SITUAZIONE).

 

In questo caso l'intervento avviene da terra usano l'idrante per far cadere la neve dai rami. 

 

 

 

 

E sempre in Val Pusteria ecco gli elicotteri utilizzati per la stessa ragione sugli alberi sulla strada della Val Pusteria tra Prato Piazza e Villabassa per evitare crolli o pericolosi schianti sulla Ss 49.

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato