Contenuto sponsorizzato

Un panettone trentino tra i migliori d'Italia, Leoni: ''Ho mollato tutto e sono andata a Londra per imparare. Un lavoro di squadra, l'eccellenza non si raggiunge da soli''

Il panettone al cioccolato e caffè della 33enne si è piazzato al terzo posto al concorso "I maestri del panettone", il più importante evento italiano dedicato al lievitato natalizio. Leoni: "Mi piacerebbe che la mia esperienza aiutasse anche altri a decidere di imboccare la propria strada". Inoltre la giovane cercherebbe di convincere i titolari del Panificio Moderno, che hanno una sede anche a Trento, ad aprire in Busa

Pubblicato il - 20 dicembre 2019 - 12:54

ARCO. C'è anche un panettone trentino tra i migliori d'Italia, premiato al Museo nazionale della scienza e della tecnologia di Milano a fine novembre. La giovane Veronica Leoni è stata così ricevuta in Comune per ricevere le congratulazioni ufficiali di Arco. 

 

Il panettone al cioccolato e caffè della 33enne nativa di Tenno e da tempo residente in quel di Arco si è piazzato al terzo posto al concorso "I maestri del panettone", il più importante evento italiano dedicato al lievitato natalizio. "Faccio questo lavoro dal 2016 - racconta Leoni - da quando ho mollato il mio lavoro precedente e mi sono buttata in questo settore. Sono andata a Londra per imparare quest’arte, che mi ha sempre affascinata".

 

Poi tre anni fa l’assunzione al Panificio Moderno di Isera, che ha scelto di mettere dei paletti molto forti sulla qualità. "Una scommessa stimolante. Il responsabile della pasticceria è andato in pensione e i titolari mi hanno proposto di prendere il suo posto: da lì è iniziato un periodo molto impegnativo e faticoso, ho puntato molto sul gruppo e sul lavoro di squadra: Andrea Squassabia, Caterina Dal Bosco, Eros Vicentini e Diego Llusca. L’eccellenza non si raggiunge da soli".

 

Il caffè utilizzato nel panettone è quello di Omkafe, storica azienda nata nel 1947 a Riva de Garda e oggi con sede Arco: Leoni ha selezionato per l'occasione la nuova miscela Ariva. "Ho solo fatto il mio lavoro con passione - prosegue Leoni - e mi piacerebbe che la mia esperienza aiutasse anche altri a decidere di imboccare la propria strada". Inoltre la giovane cercherebbe di convincere i titolari del Panificio Moderno, che hanno una sede anche a Trento, ad aprire in Busa.

 

In municipio è stata accolta dal sindaco, Alessandro Betta, dal presidente del Consiglio comunale, Flavio Tamburini, e dai consiglieri Andrea Ravagni e Tommaso Ulivieri.  "Il motto della mia consiliatura è fare comunità - commenta il primo cittadino - tra le tante vie per farlo c'è quella di incontrare i concittadini che si sono distinti per aver creato qualcosa di importante. Spesso è proprio la cittadinanza a segnalare puntualmente le persone che meritano di essere incontrate. Veronica Leoni è una ragazza che con coraggio e determinazione ha creduto nel suo talento e ha percorso la strada della sua passione: un bell’esempio per tutti, specialmente per i giovani".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
24 ottobre - 21:23
Un confronto per capire come rendere il territorio più attrattivo dal punto di vista turistico ma anche lavorativo. Gianni Battaiola (presidente [...]
Cronaca
25 ottobre - 10:54
I soccorritori si sono mobilitati a Seren del Grappa, in località Rasai: dopo esser uscito di casa per un escursione ieri, domenica 24 ottobre, un [...]
Società
24 ottobre - 19:47
Furono i mercanti di Genova che nel XII° secolo fecero conoscere gli spaghi arabi nel nord Italia dove, per secoli, furono conosciuti come «trii [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato