Contenuto sponsorizzato

Ciclovia del Garda, verso la consegna del primo lotto. Fugatti: ''Passaggio importante per realizzazione spettacolare infrastruttura attorno al più grande lago italiano''

La Ciclovia del Garda è costituita da un anello attorno al lago di Garda di circa 140 chilometri e tocca tre regioni, il Trentino, la Lombardia e il Veneto, per quella che dovrebbe diventare il tracciato più bello del mondo dedicato alla bicicletta; tecnicamente il tracciato è stato organizzato in Unità Funzionali (UF) ripartite tra i diversi territori

Pubblicato il - 05 giugno 2020 - 17:21

TRENTO. Avverrà a breve la consegna dei lavori per la realizzazione del primo tratto della "Unità Funzionale 1 - Riva del Garda - Galleria Orione", della Ciclovia del Garda che dall'abitato di Riva conduce fino alla salita della Ponale. A realizzare l'intervento sarà l'associazione temporanea di imprese Edilchiarani di Dro e Geo Rock di Spiazzo, che ha vinto la gara di appalto, con la quale è in corso la stipula del contratto per un importo di 718.104,48 euro (Qui articolo).

 

"E' un passo in avanti importante verso la realizzazione di quella spettacolare infrastruttura che circonderà il più grande lago italiano - commenta il presidente Maurizio Fugatti -. La pandemia coronavirus ci ha costretti a rallentare alcuni cantieri, ma appena è stato possibile abbiamo concentrato la nostra attenzione su quest'opera, attesa dalle amministrazioni locali, ma anche da cittadini e turisti. I lavori dunque proseguono, nel rispetto degli impegni assunti dalla Provincia".

 

La Ciclovia del Garda è costituita da un anello attorno al lago di Garda di circa 140 chilometri e tocca tre regioni, il Trentino, la Lombardia e il Veneto, per quella che dovrebbe diventare il tracciato più bello del mondo dedicato alla bicicletta (Qui articolo); tecnicamente il tracciato è stato organizzato in Unità Funzionali (UF) ripartite tra i diversi territori. La realizzazione dell'opera avviene sia con risorse della Provincia e delle Regioni interessate, oltre che degli enti territoriali locali, sia con finanziamenti statali fissati da Decreti ministeriali e da Protocolli d’intesa attuativi Stato e Regioni interessate dal percorso.

 

La ciclovia è costituita da un anello attorno al lago di Garda di circa 140 chilometri attraverso TrentinoLombardia e Veneto. Tecnicamente il tracciato è stato organizzato in Unità funzionali ripartite tra i diversi territori. In Trentino il progetto si sviluppa lungo la sponda est per circa 5,5 chilometri nel tratto che da Torbole porta al confine con il Veneto. La ciclabile segue invece la sponda opposta (ovest) per circa 5,3 chilometri da Riva del Garda fino al confine con la Lombardia (Qui articolo).

 

Per la parte trentina sono finanziati con risorse del bilancio provinciale e della Comunità dell’Alto Garda e Ledro per 9 milioni di euro, che concorrono a coprire i costi necessari alla realizzazione della prima unità funzionale che va da Riva del Garda alla Galleria Orione, i cui lavori sono in parte affidati, in parte in fase di progettazione.

 

La prima parte dello stanziamento del Ministero delle infrastrutture e trasporti di 16,7 milioni di euro, è suddivisa in 1,6 milioni come previsto dal Protocollo già erogata e finalizzata a finanziare il progetto di fattibilità tecnico-economica complessivo del tracciato, mentre i successivi 15 milioni circa, a progettazione di fattibilità approvata dal Ministero, serviranno a finanziare un’altra unità funzionale sulla sponda Ovest, che la Giunta provinciale, d’intesa con i territori, riterrà prioritaria alla luce degli esiti della progettazione di fattibilità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato