Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Fs dispone la misurazione della temperatura prima di salire a bordo dei treni alta velocità e intercity

Il provvedimento aggiorna le linee guida stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e si aggiunge alle varie azioni intraprese per il contenimento del Covid-19. Tra queste ingressi e percorsi dedicati e distanziamento interpersonale

Pubblicato il - 02 giugno 2020 - 21:38

TRENTO. Da mercoledì 3 giugno diventa obbligatoria la misurazione della temperatura corporea per tutti i passeggeri che si mettono in viaggio sui treni della media e lunga percorrenza, Av e InterCity.

 

Queste le disposizioni previste dal Decreto del Mit. Ai passeggeri la raccomandazione di presentarsi in anticipo in stazione prima della partenza

 

Il provvedimento aggiorna le linee guida stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e si aggiunge alle varie azioni intraprese per il contenimento del Covid-19. Tra queste ingressi e percorsi dedicati e distanziamento interpersonale.

 

Dal 3 giugno a chi si sposta con i treni Alta Velocità e InterCity, nel caso sia rilevata una temperatura superiore ai 37,5 gradi non sarà consentito l’accesso a bordo.

 

Il Gruppo Fs italiane raccomanda ai viaggiatori di presentarsi in stazione per tempo, in anticipo rispetto alla partenza del proprio treno, per consentire un agevole svolgimento dei controlli senza determinare assembramenti.

 

Dal 3 giugno diventano 80 le Frecce e 48 gli InterCity in circolazione sulle principali direttrici del Paese, insieme a 4.653 corse regionali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

26 novembre - 12:03

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.104 tamponi e registrati 292 nuovi casi positivi, 11 decessi. Sono 280 persone ricoverate, 40 i pazienti in terapia intensiva

26 novembre - 10:19

I dati sono stati elaborati da Swg su un campione di circa un migliaio di persone. Nel nostro Paese sono in crescita i "complottisti" che credono in un virus diffuso da gruppi di potere, i "riduzionisti" che ritengono la situazione meno grave di come è rappresentata e i "resistenti", quelli che non vogliono vaccinarsi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato