Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l’appello di 46 giovani medici trentini: “Non possiamo lavorare perché siamo bloccati dalla burocrazia”

Ritardi e inefficienze hanno lasciato in un limbo 24mila giovani medici: “Noi ‘camici grigi’, medici abilitati non specializzati, lavoriamo già nelle Unità Speciali contro il Covid-19 e nei servizi di contact tracing, ma siamo stati costretti ad abbandonarli per le mancanze del Ministero. Chiediamo dignità, chiarezza e di iniziare al più presto il lavoro per cui abbiamo studiato e di cui il nostro Sistema Sanitario ha bisogno ora come non mai”

Di Tiziano Grottolo - 05 dicembre 2020 - 11:05

TRENTO. Il momento è critico, la seconda ondata di Covid-19 ha praticamente raggiunto il picco. Solo ieri, 4 dicembre, in Italia si sono registrati 24.099 casi e se è vero che ricoveri e terapie intensive stanno lentamente diminuendo le strutture sanitarie restano sotto pressione. Da più parti, e in più occasioni, si è parlato della carenza di personale sia in ambito infermieristico che in quello medico. Durante la prima fase si arrivò addirittura a inquadrare nei reperti ospedalieri i neolaureati, tanta era la richiesta.

 

Eppure, succede che tra inefficienze e ritardi molti giovani medici, 24mila quelli che hanno partecipato, si trovano bloccati nel limbo del concorso nazionale per entrare in specialità. Lo scorso settembre infatti si è tenuto il test per accedere alle specializzazioni mediche che metteva in palio 14.455 posti. Ad oggi nessuno dei partecipanti ha un quadro chiaro sul proprio futuro perché fra ricorsi al Tar e ritardi il Ministero non ha ancora pubblicato una graduatoria definitiva.

 

“È bene ricordare – spiegano 46 medici trentini che hanno sottoscritto una lettera – che moltissimi di noi camici grigi, medici abilitati non specializzati, lavorano nei servizi di Continuità Assistenziale, nelle Unità Speciali contro il Covid-19, nei servizi di contact tracing e nelle sostituzioni di medicina generale”. Incarichi quest’ultimi, che il più delle volte sono incompatibili con i corsi di specialità la maggior parte di noi – aggiungono – ha già rassegnato le dimissioni basandosi su cronoprogrammi che non sono stati rispettati”. Di fatto, per via dell’inefficienza del Ministero sono stati sguarniti servizi fondamentali al contrasto della pandemia. Per questo 46 giovani medici trentini hanno sottoscritto una lettera (pubblicata integralmente qui sotto) per chiedere di sbloccare la situazione.

 

Siamo un gruppo di medici e scriviamo per mettere ufficialmente al corrente l’opinione pubblica della situazione critica in cui versano attualmente circa 24 mila medici, tra cui i firmatari della presente lettera, bloccati nel limbo del concorso nazionale per entrare in specialità.

 

Inefficienze e ritardi ci stanno fortemente penalizzando. Facciamo un breve riassunto dello storico:

 

-) 22 settembre: 24 mila medici partecipano al test per le specializzazioni mediche, a fronte di 14.455 borse disponibili;

 

-) 5 ottobre: era prevista la pubblicazione della graduatoria di merito in attesa della pubblicazione delle assegnazioni nella giornata del 12 ottobre. Alle ore 12 viene comunicato che, a seguito di numerosi ricorsi presentati al TAR Lazio, la graduatoria sarà pubblicata in una successiva data;

 

-) 26 ottobre: viene pubblicata una graduatoria provvisoria in attesa delle prime pronunce del giudice amministrativo;

 

-) 9 novembre: viene reso noto un “cronoprogramma” con cui si preannuncia che la fase di scelta sarà aperta dal 23 al 27 novembre per poi pubblicare le assegnazioni il 30 novembre;

 

-) 23 novembre: viene comunicato che la fase di scelta rimarrà aperta fino al 30 novembre;

 

-) 30 novembre: seconda proroga della fase di scelta fino al 1 dicembre per poi pubblicare le assegnazioni il 3 dicembre; la presa di servizio è prevista per il 30 dicembre;

 

-) 3 dicembre: ennesimo rinvio della fase di assegnazione a data da destinarsi e, comunque, dopo il 15 dicembre perché il MUR attende altre pronunce del giudice amministrativo.

 

Tale complessa vicenda ha portato a un ritardo enorme nelle tappe previste dal bando in un momento delicatissimo per il nostro Paese e Sistema Sanitario Nazionale: ormai da mesi siamo in balia di comunicazioni tardive da parte del Ministero con cui si stabiliscono date “inderogabili” che puntualmente, tuttavia, vengono disattese e sempre all’ultimo momento.

 

È bene ricordare che moltissimi di noi camici grigi, medici abilitati non specializzati, lavorano nei servizi di Continuità Assistenziale, nelle Unità Speciali contro il Covid-19, nei servizi di contact tracing e nelle sostituzioni di medicina generale. Peraltro, quasi tutti questi incarichi sono incompatibili con la presa di servizio nel Corso di specialità, per cui la maggior parte di noi ha già rassegnato le dimissioni basandosi su cronoprogrammi sul cui rispetto vi è tuttora incertezza, ma soprattutto sguarnendo servizi fondamentali in piena seconda ondata pandemica.

 

Ci sentiamo in dovere di portare a conoscenza di tale situazione l’opinione pubblica, composta dalle stesse persone di cui abbiamo cura ogni giorno, oggi come nel nostro futuro. Chiediamo dignità, chiarezza e di iniziare al più presto il lavoro per cui abbiamo studiato e di cui il nostro Sistema Sanitario ha bisogno ora come non mai.

 

 

Nicoletta Abram

Andrea Balbinot

Greta Rachele Bazzanella

Chiara Bellini

Chiara Berra

Nicolò Caldonazzi

Lisa Caresia

Michele Carlin

Alessandro Castelli

Alberto Corbolini

Valentina Favetta

Eleonora Fezzi

Elena Foradori

Emma Franceschi

Isotta Galvagni

Alessandro Giovannini

Valentina Huber

Claudia Leli

Clara Luehwink

Giulia Malfer

Giulio Manzana

Martina Marchel

Melissa Berti Marion

Federica Martini

Sara Mazzetti

Laura Miori

Simone Monegatti

Francesca Laura Nava

Giulia Orsingher

Pietro Pallanch

Andrea Palmieri

Alex Patton

Chiara Pisetta

Francesco Pollastri

Alessandra Roccabruna

Francesca Scalvenzi

Arianna Scartezzini

Jessica Silvestri

Filippo Andrea Sinosi

Marco Taufer

Carlotta Tedoldi

Camilla Terzi

Jacopo Tonelli

Manuel Tonelli

Mariagiulia Vassallo

Maria Vittoria Ventura

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 gennaio - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato