Contenuto sponsorizzato

Termoscanner per insegnanti, linee colorate al suolo da seguire per i bambini e indicazioni nel cortile. Riparte il “Giardino incantato”

La scuola d'infanzia “Il Giardino incantato” di Rovereto ha dato oggi il via alle attività del nuovo anno scolastico dopo la pausa estiva

Pubblicato il - 03 settembre 2020 - 19:10

ROVERETO. Termoscanner per insegnanti, personale ausiliario e fornitori; indicazioni nel cortile per facilitare il distanziamento tra i genitori e tre linee colorate tracciate nell'atrio perché ogni bimbo raggiunga in autonomia la propria sezione. La scuola d'infanzia “Il Giardino incantato” di Rovereto ha dato oggi il via alle attività del nuovo anno scolastico dopo la pausa estiva.

 

Per molti alunni la giornata di oggi è stata particolarmente importante perché ha segnato un ritorno alla normalità dopo il lockdown: oggi la scuola accoglie 60 bambini (in 25 seguono il metodo educativo montessoriano), mentre in occasione della riapertura di giugno e luglio gli iscritti erano 15. In occasione dell'inaugurazione del nuovo anno scolastico, stamani era presente il presidente della Provincia autonoma di Trento, accompagnato dalla dirigente del Servizio attività educative per l'infanzia, Emanuela Maino e dal sindaco di Rovereto.

 

Il capo dell'esecutivo si è complimentato per le attività svolte in favore dei bambini anche nel lungo periodo di chiusura, ed ha evidenziato come la riapertura estiva delle scuole dell'infanzia e degli asili nido in Trentino abbia rappresentato un test importante attraverso il quale la macchina organizzativa ha saputo mettere a punto e adottare le strategie migliori per l'avvio del nuovo anno scolastico. Il colloquio con la coordinatrice pedagogica della struttura, Milena Endrizzi e con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, Flavio Zendron, si è svolto all'esterno della scuola, nel rispetto delle misure anti-Covid.

 

La dirigente Maino ha osservato come i bambini sappiano approcciarsi con semplicità alle regole anti contagio: regole di buonsenso che riguardano l'igiene e la sicurezza. Il protocollo che conteneva le prescrizioni di giugno è stato rivisto dalla Provincia alla luce della maggiore tranquillità della situazione attuale per consentire la realizzazione delle attività didattiche che devono tener conto delle linee guida pedagogiche che si fondano sulla distinzione dei gruppi di scolari. Fondamentale è ritenuta la corresponsabilità delle famiglie con comportamenti coerenti con le misure applicate nelle scuole: un vero e proprio patto sul quale si fonda la sicurezza dei bimbi e di chi lavora a stretto contatto con loro.

 

Un grazie è stato rivolto al personale (dagli insegnanti agli ausiliari fino alle cuoche) che con grande professionalità sta affrontando la situazione attuale. La coordinatrice Endrizzi ha dunque indicato la scuola dell'infanzia provinciale “Il giardino incantato” come una realtà che ha saputo tener fede alla missione di offrire un servizio di qualità, nonostante il periodo di lockdown. Qui viene oggi garantita l'apertura della struttura per l'intero arco della giornata scolastica. Particolare attenzione viene posta all'ambiente esterno come spazio educativo dove socializzare, imparare e sperimentare diverse attività come la coltivazione dell'orto per favorire lo sviluppo completo dei bambini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 20:52
Emergono le prime misure contenute nella bozza del prossimo decreto legge per fronteggiare l'emergenza Covid. Alcune modifiche potrebbero [...]
Cronaca
20 aprile - 20:27
Trovati 85 positivi, comunicati 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 145 guarigioni. Sono 1.278 i casi attivi sul territorio [...]
Cronaca
20 aprile - 19:46
La diminuzione dei contagi consente una rimodulazione all’interno delle strutture sanitarie provinciali, con la possibilità per Borgo e Tione di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato