Contenuto sponsorizzato

"Trento si aiuta" torna ad aiutare le famiglie. L'assessora Maule: "Questa volta siamo più preparati"

Lo scorzo marzo "Trento si aiuta", associazione formata dall'unione di Trentino Solidale, Caritas Diocesana, Ana Trento e Banco Alimentare, aveva aiutato ottocento famiglie in difficoltà a causa del virus. La volontà della Giunta è quella di rimettere in moto questa rete solidale per aiutare i trentini in difficoltà 

Di Mattia Sartori - 26 ottobre 2020 - 15:29

TRENTO. A marzo, mentre la pandemia imperversava tenendoci tutti chiusi in casa, un gruppo di realtà trentine si sono trovate a lavorare insieme per supportare le famiglie colpite dal virus e dalle difficoltà economiche ad esso collegate. Tra queste figurano Trentino Solidale, Caritas Diocesana, Ana Trento e Banco Alimentare, associazioni che anche nel quotidiano operano per fini comuni, anche se solitamente lo fanno singolarmente. Nel momento del bisogno sono però riuscite a fare rete e creare "Trento si aiuta", potenziando le proprie possibilità e raggiungendo ottocento famiglie, anche grazie all'aiuto di giovani volontari.

 

In queste settimane, con il virus che torna ad essere una presenza costante nella vita di tutti, è emersa la volontà di ricreare "Trento si aiuta". L'assessora Chiara Maule ha dichiarato: "Abbiamo già contattato i soggetti con cui si era instaurata la collaborazione dei mesi scorsi e nei prossimi giorni ci saranno degli incontri operativi per capire come, anche in stretto raccordo con gli interventi provinciali, sia possibile rendere più funzionali ed efficaci le misure già attivate a favore delle famiglie in difficoltà".

 

Giorgio Casagranda interviene a nome di Trentino Solidale per garantire la volontà dell'associazione a impegnarsi di nuovo in questo progetto di sostegno alla popolazione trentina. "Noi siamo pronti a tornare in campo assieme all'amministrazione pubblica per aiutare le famiglie più in difficoltà. Come abbiamo già fatto in primavera, metteremo a disposizione prodotti e mezzi necessari e speriamo che in molti facciano lo stesso".

 

L'assessora sottolinea come il progetto "Trento si aiuta" goda del sostegno dell'amministrazione. "Vogliamo potenziare ulteriormente la rete aggiungendo lo sforzo pubblico a quello dei privati. Abbiamo anche un dialogo costantemente aperto con la Provincia, in modo da riuscire a coordinare al meglio i mutui progetti di solidarietà. La paura più grande è che questa volta la situazione economica sia peggiore di quella di marzo, ma sappiamo anche di non essere così impreparati come eravamo allora. Ce la faremo".  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

30 novembre - 19:11

In Trentino c'è l'associazione Ama che grazie ai gruppi di auto mutuo aiuto è un sostegno fondamentale per tante famiglie. Qui la testimonianza di una famiglia letta per Ama da Giacomo Anderle

01 dicembre - 08:48

L'incendio a Levico è avvenuto nella zona di Quaere. Sulle cause sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine e non si esclude il dolo. Oltre cento vigili del fuoco sono stati impegnati, invece, per spegnere le fiamme che hanno avvolto un altro fienile a Curon 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato