Contenuto sponsorizzato

Festa della mamma, ma non per tutte. I famigliari degli ospiti delle Rsa manifestano con le rose rosse. "Auguri madre, auguri nonna, vorrei darti un bacio"

I familiari degli ospiti delle Rsa trentine hanno manifestato pacificamente davanti le strutture di Gardolo e di Dro. "I nostri anziani vertono in gravi condizioni, sono in uno stato di decadimento avanzato, non c’è più tempo per aspettare”

Di Laura Gaggioli - 09 maggio 2021 - 19:15

TRENTO. “Auguri mamma, auguri nonna. Ti voglio dare un bacio e un abbraccio” questo il testo di un semplice cartello posto davanti la casa di riposo di Gardolo “Stella del mattino” quando, domenica 9 maggio, i familiari degli ospiti delle Rsa si sono presentati davanti ai cancelli con in mano una rosa rossa, un gesto simbolico per manifestare la propria presenza alle tante mamme e nonne, da troppo tempo nascoste dietro le porte delle strutture.

L’appello nazionale, guidato dai comitati Open RSA Now e #RsaAperte, chiede in coro la riapertura senza condizionamenti delle case di riposo, dove da oltre un anno migliaia di anziani stanno soffrendo solitudine e paura.

 

“Diciamo un netto e fermo no a distanziamento e barriere, incontri con tempi contingentati, visite e uscite a discrezione delle direzioni sanitarie delle strutture e al Green pass, letto in chiave discriminatoria, mentre diciamo sì a triage, mascherine e tampone antigenico rapido - si legge sul comunicato dell'iniziativa - per la festa della mamma noi familiari saremo davanti ai cancelli delle Rsa d'Italia con 9 rose rosse e tampone negativo per una manifestazione nazionale”.

Rsa_unite, il gruppo composto dai familiari trentini si è così unito all’iniziativa, presentandosi davanti la struttura “Stella del mattino” di Gardolo e “Residenza Molino” di Dro per onorare a distanza una festa, che per il secondo anno consecutivo, viene ancora impedita.

 

“Le recenti disposizioni hanno previsto delle aperture anche in Trentino, ma sempre contingentate - afferma un familiare - dopo tutto questo tempo lontani, però, non ci basta più. I nostri anziani vertono in gravi condizioni, sono in uno stato di decadimento avanzato, non c’è più tempo per aspettare”.

 

Presenti alla manifestazione pacifica una trentina di familiari con rose rosse e cartelli, il consigliere di onda civica Filippo Degasperi e l’autore Renzo Maria Grosselli.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
07 August - 20:26
L'assessore del capoluogo bolzanino Stefano Fattor spiega a il Dolomiti qual è il reale impatto, in termini di immissioni, dell'impianto sulla [...]
Cronaca
07 August - 20:46
La produzione tardiva delle ciliegie di montagna arrivava in un momento dell’anno in cui le altre ciliegie erano praticamente esaurite. Questo [...]
Cronaca
07 August - 19:41
Si va verso la completa normalizzazione in val di Fassa a seguito del violentissimo nubifragio di venerdì. Continuano le operazioni di messa in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato