Contenuto sponsorizzato

Bus urbani, da oggi l'autista-bigliettaio. Buona la prima

E' iniziata oggi la sperimentazione sulle linee 14 e 17 nel capoluogo. I sindacati: "Tutto bene, nessuna segnalazione, corse in orario e biglietti ok" 

Di Luca Andreazza - 28 novembre 2016 - 20:02

TRENTO. Tanto tuonò, ma alla fine niente pioggia. Sembrava dovesse accadere il finimondo ma alla prova dei fatti la prima giornata dell'autista-bigliettaio per le linee 14 e 17 del servizio urbano del capoluogo è andata bene. Oggi è entrata a regime la sperimentazione per il contrasto all'evasione tariffaria, la sensibilizzazione dell'utenza e per la bigliettazione a bordo, un dispositivo che mette in pratica quanto contenuto nell'accordo nazionale datato 2013 e recepito dalla giunta provinciale il 18 novembre scorso.

 

Abbiamo testato direttamente il giorno zero salendo sugli autobus della 'discordia' nella mattina e nel pomeriggio, armati della moneta e dei tagli d'ordinanza. Nessun problema, utenza diligente nel timbrare il titolo di viaggio oppure nell'acquistare i biglietti al sovrapprezzo di 2 euro. Certo, le linee scelte per la sperimentazione non saranno fra le più affollate, ma la sperimentazione è partita con la ruota giusta: nessun ritardo, nessuna 'sceneggiata' alla trentina e tutti tranquilli al proprio posto. E forse qualcuno sarà rimasto a terra intimidito dalla nuova disposizione cittadina e dall'occhio vigile del controllore, mentre si sono mostrati reattivi anche gli autisti-bigliettai, anche se magari non sprizzavano gioia per questa nuova incombenza.

 

 

Trend confermato anche da Massimo Mazzurana, segretario di Fit Cisl: "E' andata bene, nessuna segnalazione particolare e corse in perfetto orario. Tanta l'utenza munita di biglietti e titoli di viaggio - prosegue - mentre i ticket staccati con sovrapprezzo sono stati 3 oppure 4 per turni. La sperimentazione è agevolata dal fatto che Trento non è una città particolarmente turistica e quindi non sono state registrate grandi criticità oppure incassi. Forse sabato e domenica in concomitanza con i Mercatini di Natale ci potrebbe essere qualche problema maggiore, ma tutto risolvibile".

 

Acque chete anche per Fit Cgil e Faisa sulle che collegano rispettivamente Trento a Ravina e il capoluogo a Lavis, corse sulle quali attualmente l'autista è coadiuvato da un verificatore che controlla la regolarità della salita dalla sola porta anteriore e i titoli di viaggio dei passeggeri. "La sperimentazione - spiegano i segretari Stefano Montani di Filt e Michele Givoli di Faisa - è stata favorita dalla moderata affluenza di utenti e dalla collaborazione dei cittadini e dalla presenza a bordo di personale Trentino trasporti esercizio. Per noi è necessario - proseguono - mettere maggiormente in sicurezza il posto di guida e modificare le disposizioni in merito alla salita e presenza a bordo di passeggeri minori sprovvisti di titolo di viaggio. Pensieri già espressi all'Azienda”.

 

Anche sul fronte Usb non si registrano particolari problematiche: "La prima giornata - conferma Daniel Agostini, coordinatore regionale - sta filando liscia, anche se mancano alcune ore alla conclusione del servizio. I primi dipendenti hanno già ricevuto il fondo cassa sul proprio conto corrente e grosse criticità, nonostante l'ordine di servizio poco chiaro, non ci sono state. Forse la comunicazione non è stata efficace, visto che diversi utenti hanno chiesto su diverse altre linee di poter fare il biglietto".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 17:43

Gli 8 decessi sono quasi tutti avvenuti in ospedale (7) e 1 in RSA; si tratta di 5 donne e 3 uomini; l’età media è di 85 anni

27 novembre - 16:59

Secondo il monitoraggio svolto settimanalmente dal Ministero della Salute, tutte le regioni e province autonome italiane sarebbero al di sotto dell'1.5 di indice Rt. In attesa di capire le decisioni del governo, tutto il Paese sarebbe così "zona gialla". Ancora problematici i parametri dell'occupazione dei letti d'ospedale e del fattore rischio

27 novembre - 16:47

L’uomo, per gelosia, impediva alla compagna di condurre una vita quotidiana nei limiti della normalità, usando la violenza su di lei anche davanti ai figli piccoli

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato