Contenuto sponsorizzato

L'ascesa di Gioia Libardoni, da Levico ai film hollywoodiani con John Rhys-Meyers, Antonio Banderas e John Travolta

La trentina si avvicina già a 5 anni alla recitazione. Dopo le fiction italiane, la svolta arriva in 'All roads lead to Rome' nel 2015 dove lavora al fianco di Sarah Jessica Parker e Raoul Bova. Non solo recitazione, Libardoni studia già per diventare produttrice: "La fortuna? In questo settore è fondamentale"

L'attrice Gioia Libardoni
Di Margherita Girardi e Emma Traina - 30 luglio 2017 - 17:03

LOS ANGELES (Stati Uniti). Da John Rhys-Meyers ad Antonio Banderas, per passare a John Travolta: questa la strada verso il successo hollywoodiano di Gioia Libardoni, trentina di Levico che nel 2015 ha fatto il grande salto nel cinema a stelle e strisce.

 

Un talento coltivato molto presto, Gioia Libardoni, già in tenera età si è infatti avvicinata alla recitazione: durante i 5 anni di elementari arrivano le prime 'parti', quando veste i panni di Maria nelle recite di Natale. Un amore a prima vista che approfondisce nel corso delle superiori e nelle numerose recite organizzate dal Liceo Arcivescovile.

 


 

“Mi piacciono le storie - spiega - una mia grande passione è proprio la letteratura e, avendo scelto l’indirizzo linguistico, ho potuto conoscere i grandi poeti, non solo quelli italiani. Ho studiato anche americani, inglesi, spagnoli e pure francesi".

 

Finito il liceo si è incamminata verso il mondo del cinema: gli inizi sono al Duse (Centro Internazionale di Cinema e Teatro) per un percorso che le ha permesso di ottenere ruoli in numerose fiction italiane (quali Don Matteo 7 e il Commissario Rex) e successivamente nel film Cado dalle Nubi con Checco Zalone.

 

La vera svolta arriva in All roads lead to Rome (2015). I protagonisti principali della pellicola sono Sarah Jessica Parker e Raoul Bova, ma è soprattutto l’incontro, quasi casuale, con la compagnia americana produttrice del film che le ha spalancato le porte e quell'occasione di trovare gli agganci giusti nel mondo cinematografico americano.

 


Gioia Libardoni con Raul Bova (© Momentum Pictures)

 

Simpatia, affidabilità, preparazione sempre al topfortuna (“La fortuna, in questo settore è fondamentale” ci confida Gioia) le parole chiave che l’hanno portata a lavorare in Black Butterfly, Inferno e Finding Steve McQueen, al fianco di attori del calibro di Tom Hanks, Antonio Banderas, John Rhys-Meyers e William Fichter.

 

Il prossimo film che la vedrà sul grande schermo della sale internazionali nel 2018 è Trading Paint, nel quale reciterà nel ruolo di Kelly assieme al grande e affascinante John Travolta. “E’ il progetto più importante della mia carriera da attrice fino ad ora”, commenta entusiasta Gioia.

 

In tutti questi anni non si è limitata però solo a recitare, ma ha continuato a studiare, attualmente si misura alla Amaw, scuola di arte drammatica a Los Angeles, mentre ha ricoperto anche altri incarichi durante la produzione: in Black Butterfly (2017) con Antonio Banderas, ad esempio, è stata assistant producer (termine e ruolo che esiste solo nella cinematografia americana e inglese).

 


Gioia Libardoni, Nathalie Rapti Gomez e Antonio Banderas in Black Butterfly (by Romolo Eucalitto - © Lionsgate Premier)

 

A proposito di questo film Gioia ci ha raccontato un aneddoto curioso: “Stavamo girando a maggio le riprese in montagna, a 1.600 metri. Una settimana abbiamo utilizzato la crema solare per non scottarci, la settimana dopo nevicava. E’ stato terribile perché in questo modo non si è potuto avere la continuità dell’immagine desiderata, ma nonostante ciò, il film è riuscito molto bene”.

 

Dalla produzione italiana a quella americana, cosa cambia? “Lo stile americano - spiega l'attrice di Hollywood - è molto diverso: è assai accorto e attento ai minimi dettagli, più orientato alla massima precisione e anche il livello di prestazione è sempre al massimo. Sono molto esigenti, in Italia invece il clima è generalmente più rilassato".

 

La sua fonte di ispirazione è Julianne Moore, che ha vinto l’Oscar nel 2015 come miglior attrice protagonista in Still Alice. “La apprezzo - conclude Libardoni - soprattutto per la naturalezza e la chiarezza con cui recita, per il suo minimalismo e il calore che esprime sul grande schermo, che la distinguono da tutte le altre". In bocca al lupo.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 11:01

La storia dell’imprenditrice che ha scelto di allevare una razza di pecore in via d’estinzione ma per farlo ha dovuto imparare a convivere con i lupi: Mio nonno mi diceva ‘il cane buono non è quello che ammazza i lupi ma quello che riporta le pecore a casa’ anche perché un altro detto recita che quando ammazzi un lupo al funerale se ne presentono due

28 gennaio - 11:04

Il grave episodio è avvenuto nella zona di Malo nell'Alto vicentino. I ragazzi in arrivo da fuori paese sono stati multati per non aver osservato le regole della zona arancione. Il sindaco: "I rifiuti ritrovarti stamane e i danni non possono trovare giustificazione in questo periodo buio che tutti stiamo vivendo"

28 gennaio - 10:31

I pendolari potranno contare sulle fasce di garanzia dalle 6-9 e 18-21. L’agitazione sindacale potrebbe comportare modifiche al servizio anche prima dell’inizio e dopo la sua conclusione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato