Contenuto sponsorizzato

Poste, il Parlamento europeo dice "no" al servizio a giorni alterni

Votate una serie di raccomandazioni a Strasburgo: "Il servizio è universale e deve comprendere almeno cinque giorni di consegna a settimana". Rossi: "Utilizzeremo questa decisione nel modo più incisivo possibile". Dorfmann: "Scelta cruciale per le nostre zone rurali"

Di Luca Pianesi - 16 settembre 2016 - 20:35

BRUXELLES. Posta a giorni alterni? Il Parlamento europeo dice no grazie. La maggioranza degli eurodeputati ha, infatti, votato a favore del mantenimento di un servizio “universale” e quindi di un recapito postale garantito durante tutti i giorni lavorativi. Lo ha fatto con una risoluzione  approvata giovedì in chiusura di sessione plenaria dell'Europarlamento a Strasburgo, sulla applicazione della direttiva (risalente al '97) sui servizi postali. Cosa vuol dire? Che a vent'anni di distanza dalla direttiva che riguarda le poste nell'Unione europea, hanno posto alcune raccomandazioni.

 

 

Raccomandazioni rese necessarie dal modificarsi dei costumi e dei servizi (si pensi solo a cosa ha voluto dire l'arrivo di internet e della posta elettronica) in tutta Europa. Raccomandazioni (quindi non vincolanti) che sottolineano l’importanza di fornire un servizio universale di alta qualità a condizioni accessibili, comprendente almeno cinque giorni di consegna e di raccolta a settimana per tutti i cittadini.  Inoltre la risoluzione dell’Assemblea Ue raccomanda la copertura dell’intero territorio nazionale, comprese le “zone remote”, fra cui isole e zone di montagna. 

 

Una linea ben lontana da quanto già pianificato da Poste italiane, che invece prevede, a partire dal 2017, la consegna di lettere e giornali a giorni alterni o ogni tre giorni per quelle "zone remote" che riguardano anche molte aree del Trentino. Una linea che dopo il voto del Parlamento europeo non cambierà nell'immediato. "Ma che certamente tenteremo di far cambiare anche alla luce di questa decisione - spiega il presidente della Provincia Ugo Rossi - perché anche per noi il servizio postale deve essere garantito universalmente. Questa è una presa di posizione comunque radicale e molto importante. La useremo con Poste e a livello nazionale nel modo più incisivo possibile".

 

 

"Poste Italiane minaccia ormai da tempo di ridurre la consegna della posta a soli tre giorni in settimana nelle aree a scarsa densità di popolazione - spiega l’europarlamentare Herbert Dorfmann -. Con questi criteri, in Trentino Alto Adige più della metà della popolazione verrebbe interessata dalle nuove modalità di consegna. Da tempo mi batto a Bruxelles affinché il recapito quotidiano della posta venga garantito anche nelle aree rurali e isolate. Con il voto in Parlamento europeo è stato ribadito che la consegna della posta è un servizio pubblico e che, in quanto tale, ha un impatto significativo sulla qualità della vita, soprattutto nelle zone rurali. Si tratta di una decisione che aumenta la pressione su Poste Italiane, a cui si chiede perlomeno di assicurare la consegna giornaliera dei quotidiani". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato