Contenuto sponsorizzato

Una raccolta firme per dare la cittadinanza italiana a Razi e Soheila i due registi che a dicembre sono diventati "cittadini del nulla"

Derubati di tutti i documenti sul treno mentre cercavano di andare in Iran i due rifugiati politici che dal 2008 vivono a Villazzano hanno presentato domanda di cittadinanza il 2 giugno 2015. Ora una petizione online chiede al commissario del Governo e a Zeni di arrivare rapidamente a una soluzione

Di Luca Pianesi - 14 gennaio 2017 - 11:19

TRENTO. L'appello è indirizzato al commissario di governo di Trento Pasquale Gioffrè e all'assessore alla salute e politiche sociali della Provincia Luca Zeni e in pochi giorni ha superato le 150 firme. E' una petizione online lanciata su change.org che chiede di dare, finalmente, la cittadinanza italiana ai due registi, rifugiati politici e ormai trentini d'adozione, Muhammad Razi Muhib Ali e Suhaila Mohd Ibrahim. Lui afgano (avevamo raccontato la sua storia nell'articolo Dalla schiavitù in Pakistan alle torture a Kabul, storia di Razi un regista internazionale a Villazzano) lei iraniana vivono a Trento dal 2008 e qui stanno crescendo loro figlio Sepanta.

 

Abitano a Villazzano e ormai sono integratissimi nella realtà locale rappresentando un vanto per il Trentino. Sono, infatti, due dei registi internazionali più conosciuti e stimati vincitori di svariati premi nei Festival più importanti d'Europa da Cannes, a Berlino, da Locarno a Venezia, dove entrambi si sono aggiudicati il premio Mutti. E proprio per realizzare il film tratto dalla sceneggiatura vincitrice del Mutti all'ultimo Festival di Venezia, Razi e Soheila un mese fa hanno provato a tornare in Iran per girare le riprese necessarie. Ma la sorte si è messa di traverso e sul treno i due sono stati derubati di tutti i documenti (passaporti, fogli di circolazione, addirittura del loro certificato di matrimonio afgano che stavano portando in Iran per farlo riconoscere in quel paese che fino a pochi anni fa non ammetteva il matrimonio tra un'iraniana e un afgano) oltre che del materiale per le riprese (Si legga Derubati in treno i registi Razi e Sohelia Mohebi: "Addio anche al certificato di matrimonio afgano. Ora siamo cittadini del nulla").

 

"I documenti sono fondamentali per lo svolgimento stesso della loro professione - si legge nell'appello su change.org -. Dopo quasi dieci anni di permanenza in Italia, non avere la cittadinanza e la possibilità di viaggiare significa infatti essere esclusi anche da molteplici opportunità di lavoro e dagli inviti a festival internazionali. Tale situazione condiziona anche la casa di produzione trentina con cui finora hanno collaborato, che vede così deteriorarsi i rapporti con importanti partner internazionali, e a dispetto dei riconoscimenti insieme ottenuti in diversi paesi. Razi e Soheila hanno presentato domanda di cittadinanza il 2 giugno 2015 e l'istruttoria è stata avviata. Chiediamo che si prenda in considerazione al più presto la loro pratica e che si arrivi rapidamente alla concessione della cittadinanza".

 

Un appello al quale sentiamo di unirci anche noi.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 14:12

Il Governo si è preso l’impegno di erogare i primi aiuti già a novembre: “Abbiamo previsto una serie di indennizzi per coloro che saranno penalizzati dalle nuove norme”. In arrivo nuovi contributi a fondo perduto, cancellata la seconda rata Imu e confermata la cassa integrazione

25 ottobre - 12:19

Stagione invernale a rischio, con il nuovo Dpcm il Governo ha disposto la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici che potranno essere utilizzati solo dagli atleti professionisti e di interesse nazionale. Gli sciatori amatoriali dovranno sperare in un eventuale via libera del Comitato tecnico-scientifico

25 ottobre - 12:09

La consigliera ha avuto i primi sintomi nei giorni scorsi. Ora si sottoporrà al tampone molecolare, lo stesso faranno anche il consigliere Ghezzi e l'assessore Spinelli 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato