Contenuto sponsorizzato

Una raccolta firme per superare la legge Bossi-Fini, Mandacarù e Altromercato scendo in campo per promuovere accoglienza, lavoro e inclusione

Una giornata di mobilitazione per raccogliere firme per una nuova legge di iniziativa popolare sul tema dell’inclusione dei cittadini immigrati, una delle più grandi sfide della contemporaneità

Pubblicato il - 29 settembre 2017 - 20:01

TRENTO. Accoglienza, lavoro e inclusione. Cambiare le politiche sull'immigrazione in Italia per governare in modo efficace e nel rispetto dei diritti il fenomeno migratorio per trasformare questi flussi in opportunità per il Paese. Questa in sintesi la raccolta firme per sostenere la proposta di legge di iniziativa popolare 'Ero straniero-l'umanità che fa bene' di Mandacarù Onlus e Altromercato,  il consorzio di commercio equo composto da 109 cooperative in Italia.

 

Sabato 30 settembre sarà possibile firmare dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 alla Bottega Mandacarù di Trento in piazza Fiera e quello di Rovereto in via Mercerie 6.

 

Gli obiettivi di questa proposta di legge di iniziativa popolare sono l'introduzione di canali diversificati di ingresso per lavoro, ma anche forme di regolarizzazione su base individuale degli stranieri già radicati nel territorio, oltre alle misure per l'inclusione sociale e lavorativa di richiedenti asilo e rifugiati, che comprende l'effettiva partecipazione alla vita democratica col voto amministrativo e l'abolizione del reato di clandestinità.

 

Queste le principali proposte per una nuova legge intitolata 'Nuove norme per la promozione del regolare soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari'.

 

La raccolta firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare per cambiare le politiche sull'immigrazione in Italia, superando così la Bossi-Fini, è iniziata l'1 maggio scorso.

Le Botteghe Mandacarù di Trento e Rovereto diventano ancora una volta un luogo d'incontro, dove è possibile lavorare insieme per proposte sociali concrete per dare corpo e senso alla volontà comune di essere agenti di cambiamento.

 

Un impegno quotidiano quello di Mandacarù Onlus e Altromercato, da 30 anni tra i motore del cambiamento sociale, insieme a 155 organizzazioni di produttori in oltre 45 Paesi, nel Sud e nel Nord del Mondo, a 109 Soci attivi in 260 Botteghe Altromercato su tutto il territorio italiano, agli oltre 5.000 volontari e alle centinaia di migliaia di consumatori che, scegliendo i suoi prodotti, compiono un gesto consapevole e di forte impatto sociale.

 

 

Mandacarù Onlus ha voluto così cogliere e affrontare insieme ad Altromercato e ai partner della campagna 'Ero Straniero' una delle più grandi sfide della contemporaneità, mettendo a disposizione la sua Bottega e l’impegno, la forza e la passione delle sue persone e dei volontari.
 

'Ero straniero-l'umanità che fa bene' è una campagna nazionale promossa da Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità 'Angelo Abriani', Acli, Arci, Asgi, Centro Astalli, Cnca, A Buon Diritto, Cild e il supporto di centinaia di sindaci, associazioni e movimenti.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato