Contenuto sponsorizzato

La Delta Informatica Trentino fa sei su sei. Furlan e Piani non danno scampo a Macerata e le gialloblù blindano la vetta della classifica

La Delta Informatica che si sbarazza per 3-0 della neo promossa Helvia Recina Macerata. Un successo che permette alle trentine di mantenere imbattibilità e primato in graduatoria nella serie A2 femminile

Foto Alessio Marchi - Trentino Rosa
Pubblicato il - 05 novembre 2019 - 21:31

TRENTO. Sei partite e sei vittorie, questo l'avvio di stagione della Delta Informatica che si sbarazza per 3-0 della neo promossa Helvia Recina Macerata. Un successo che permette alle trentine di mantenere imbattibilità e primato in graduatoria nella serie A2 femminile.

 

"Abbiamo offerto una prestazione davvero convincente e sono molto soddisfatto della nostra prova corale – commenta Matteo Bertini, tecnico della Delta Informatica Trentino –. Abbiamo tenuto sotto pressione le nostre avversarie in ogni fondamentale. Non era una gara facile perché Macerata è una buona squadra che difende moltissimo e con individualità importanti: le ragazze sono state brave ad interpretare la partita nel modo giusto, rendendola in discesa fin dalle prime battute grazie ad un approccio molto positivo. Ora ci concediamo due giorni di meritato riposo, per poi tornare in palestra a preparare due trasferte consecutive, a Busto Arsizio e Marsala, da non prendere sottogamba".

 

 

Un risultato non certo scontato alla vigilia quello che ha emesso il taraflex del Sanbàpolis perché le marchigiane sono la vera rivelazione di questa prima parte di campionato. Rivelazione sì, ma solo in parte, visto che nel proprio roster presenta un'atleta come Smirnova, grande artefice della promozione in A1 di Perugia dello scorso anno.

 

Prestazione molto positiva dell’intero collettivo gialloblù, dalle centrali Fondriest e Furlan, onnipresenti a muro, fino al libero Moro, sempre più garanzia e pedina fondamentale nello scacchiere di questa Delta Informatica. Non basta tra le fila di Macerara la buona prestazione della subentrata Tajè, autrice di 6 punti in poco più di un set, sono invece mancate le prestazioni delle temute Smirnova e Kosareva.

 

Dopo una parte punto a punto il primo allungo del match porta il nome della Delta Informatica Trentino (8-5). Moro con un’incredibile difesa d’istinto che termina sul taraflex marchigiano manda in visibilio il Sanbàpolis (10-7). Il nuovo allungo trentino arriva con il turno al servizio di D’Odorico, con le ospiti che non riescono a trovare rimedio. Prima un diagonale vincente di Piani, poi un ace diretto della numero 7 gialloblù e infine uno scontro di gioco tra Pericati e Pomili portano la Delta Informatica sul +6 (15-9). Paniconi prova a giocarsi le carte Mazzon, Nonnati e Peretti ma il risultato non cambia e ci pensa un ace di Melli a portare il divario tra le due squadre a otto lunghezze (22-14). Chiude la prima frazione di gioco un attacco vincente di Furlan (25-17).

Inizio secondo set nel segno delle gialloblù che spingono forte fin dalle prime battute (6-4). Nuovamente il turno al servizio di D’Odorico riesce a portare punti in casa Delta, con Fondriest che a muro è molto vigilie (13-9). Kosareva prova a suonare la carica in casa Macerata prima con un ace e poi con una pipe vincente (15-12). Una pipe ben effettuata da Piani e il successivo errore in attacco di Smirnova portano la Delta Informatica nuovamente sul +5 (19-14). Una difesa di Moro e il successivo contrattacco di Piani, oltre all’ace di D’Odorico, vero incubo al servizio per Macerata, mantengono la squadra di Bertini ad un vantaggio rassicurante (22-17). Chiude Fondriest con un primo tempo vincente (25-19).

Terzo set, la partenza è nuovamente a tinte gialloblù con le ospiti troppo fallose e Fondriest che a muro fa la voce grossa (5-0). Non si ferma più la Delta Informatica Trentino che riesce con le proprie centrali a toccare ogni pallone a muro mentre nei contrattacchi ci pensa il trio di palla alta gialloblù a concretizzare (12-7). Lancellotti con il servizio riavvicina prepotentemente le ospiti (12-11) ma è nuovamente il duo Melli-Piani a scavare il solco nel set (17-14). Mette la parola fine all’incontro la miglior giocatrice dell’incontro, Eleonora Furlan, con un muro vincente (25-18).

CLASSIFICA: Trento 17, Mondovì 15, Ravenna 13, Macerata 9, Montecchio 9, Torino 8, Roma 8, Marsala 5, Baronissi 3, Busto Arsizio 3

DELTA INFORMATICA TRENTINO – ROANA CBF HR MACERATA 3-0
(25-17, 25-19, 25-18)
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Moncada 1, Piani 18, Melli 13, D’Odorico 6, Furlan 11, Fondriest 8, Moro (L); Barbolini ne, Cosi ne, Vianello ne, Berasi ne, Giometti ne. All. Bertini
ROANA CBF HR MACERATA: Lancellotti 1, Smirnova 7, Pomili 4, Kosareva 9, Rita 2, Martinelli 7, Pericati (L); Mazzon 1, Peretti, Tajè 6, Nonnati, Giubilato. All. Paniconi
ARBITRI: Nicola Traversa e Massimiliano Giardini
DURATA SET: 24', 24', 23' (totale: 1h11’)
NOTE: Delta Informatica Trentino (attacco 47, muro 6, battuta 4, errori azione 6, errori battuta 9), Roana Macerata (attacco 31, muro 5, battuta 1, errori azione 10, errori battuta 6). Spettatori: 550. Mvp: Furlan.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato