Contenuto sponsorizzato

La tripla di Moraschini sulla sirena gela l'Aquila Basket, niente coppa Italia

Basket. La Dolomiti Energia conduce quasi tutta la partita, ma si arrende nel finale a Brindisi. I liberi di Gomes sembrano mandare la gara all'overtime, ma il tiro della "disperazione" di Moraschini chiude i giochi sul 76-79

Di Luca Andreazza - 13 gennaio 2019 - 18:48

TRENTO. Dopo il ko di Milano, la Dolomiti Energia incappa nella seconda sconfitta consecutiva. L'Aquila Basket non supera l'ostacolo Brindisi nella tredicesima giornata di serie A e dice addio alla qualificazione alla final eight di coppa Italia. La truppa di coach Maurizio Buscaglia si arrende alla Blm Group Arena per 76-79 e chiude una seconda parte girone di andata giocato da protagonista dopo le difficoltà iniziali. La tripla di Moraschini sulla sirena è una sentenza.

 

Se questa sconfitta compromette il pass alla coppa nazionale, lascia comunque immutate le speranze per raggiungere la qualificazione alla post season, i playoff scudetto, un obiettivo mai mancato e impreziosito da due finali tricolori da quando la Dolomiti Energia calca i parquet di massima serie. Nonostante il cambio di passo, serve ancora qualcosa, soprattutto una maggior capacità di gestire i momenti clou e dimenticare qualche ingenuità di troppo.

 

Quasi sempre avanti, non bastano alla Dolomiti Energia i canestri di Marble (18 punti) e Craft (16 punti), Pascolo (13 punti) e Mian (10 punti). I bianconeri pagano qualche errore di troppo e la vena realizzativa di Banks (22 punti), Chappell Jeremy (17 punti) e Moraschini (11 punti).

 

Il canestro di Banks apre il primo quarto, ma l'Aquila Basket entra subito in partita e Marble trascina i bianconeri sul 7-2. La Dolomiti Energia preme sull'acceleratore e confeziona il massimo vantaggio sul +9 per il 19-10. A quel punto arriva la reazione di Brindisi che mette alle strette la difesa aquilotta per rimettersi in scia a Trento. Il tabellone alle prima sirena dice 27-25 per i padroni di casa.

 

L'atteggiamento dell'Happy Casa è diverso nel secondo periodo (21-18). Pronti, via e Brindisi scrive un break (0-6) e mette la freccia sul 27-31. Ci pensa Pascolo a rompere il ghiaccio dopo circa due minuti di gioco, mentre Forray rimette in carreggiata i bianconeri, che inseguono a -1, quindi Craft segna il nuovo vantaggio dei trentini (33-32), ma un'altalena di sorpassi. Ci prova Mian a lanciare l'Aquila Basket: le sue triple valgono il +7 per il 41-34. Nel finale di tempo gli ospiti ricuciono, ma la Dolomiti Energia va al riposo lungo avanti sul 48-43.

 

Anche nella terza frazione (11-15) Brindisi parte meglio. I canestri di Chappel Jeremy e Banks tengono i pugliesi in gara, che si riportano sotto ai trentini. La Dolomiti Energia resiste soprattutto con Flaccadori e Marble che consentono ai bianconeri di chiudere ancora avanti sul 59-58. 

 

Nell'ultimo quarto la Dolomiti Energia riparte con Marble e Pascolo che allungano sul +5 il vantaggio dei trentini. Una combinazione che porta un po' di ossigeno alla causa aquilotta e costringe l'Happy Casa a ricorrere al time out. Alla ripresa Brown e Banks impattano sul 66-66. La triple di Moraschini e Banks mandano in orbita i brindisini sul +5 (68-72). E' Craft a tenere l'Aquila Basket in partita, ma Chappell Jeremy dalla lunetta tiene avanti gli ospiti sul 74-76. I liberi di Gomes impattano sul 76-76, ma sulla sirena il tiro della "disperazione" di Moraschini lascia partire i titoli di coda sul 76-79 e gela la Blm Group Arena. 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

19 febbraio - 17:56

Dopo il ''riserbo'' di Paccher sui nominativi esaminati dalla giunta per le elezioni, interrogazione del consigliere di Futura : ''L'attività del parlamento trentino e dei suoi organi dev'essere trasparente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato